BahaiBigarello
© 2005-14 Assemblea Spirituale Nazionale dei bahá’í d’Italia | Webmaster Claudio Malvezzi |

Il Bab (la Porta)

Shiraz 1819 - Tabriz 1850      Fu il Precursore di Bahá'u'lláh

Il nome Bab in arabo significa "Porta". Il Báb nacque a Shiraz, in Persia, il 20 ottobre 1819. Nel 1844, proclamò di essere l'Inviato di Dio e il Precursore di Uno Più Grande di Lui, la cui venuta avrebbe compiuto le profezie di tutte le grandi religioni e inaugurato una nuova Era. A causa dei suoi insegnamenti, egli e i suoi discepoli furono perseguiti dal clero mussulmano. Queste persecuzioni continuarono durante la sua reclusione e culminarono col suo martirio pubblico nel 1850 a Tabriz, nel nord dell'Iran. Circa ventimila dei suoi discepoli furono anche martirizzati durante i primi anni della storia della Fede Bahá'í. Oggi sulla baia di Haifa si affaccia un maestoso edificio dalla cupola dorata, incorniciato da fiorenti giardini: è il Mausoleo che racchiude le sue spoglie terrene.

Il movimento Babí, prescursore della Fede bahai

E' il motivo per cui i bahai asseriscono che la loro Fede fu fondata nel 1844. In molte terre, i primi anni del XIX secolo furono un periodo di attesa messianica. Molti sinceri credenti di diverse origini religiose, profondamente turbati dalle implicazioni delle ricerche scientifiche e dall’industrializzazione, si rivolsero alle scritture delle loro fedi per comprendere l’accelerato processo del cambiamento in atto. In Europa e in America, gruppi come i Millenaristi ed i Templari credettero di ritrovare nelle scritture cristiane prove che sostenevano la loro convinzione che la storia era arrivata ad una fine e che il ritorno di Gesù Cristo fosse ormai prossimo. Nel Medioriente, intorno alla credenza che il compimento delle profezie del Corano e delle Tradizioni Islamiche era imminente, si sviluppò un processo di segno simile. Il movimento di gran lunga più drammatico fra quelli millenaristici sorse in Iran focalizzandosi sulla persona e gli insegnamenti di un giovane mercante della città di Shiraz, passato alla storia col titolo di "Il Bab". Dal 1844 al 1863, persiani di tutti gli strati sociali furono coinvolti in una tempesta di speranza ed eccitazione provocata dall’annuncio del Bab che il Giorno di Dio era prossimo e che Egli stesso era il Promesso delle scritture islamiche. L’umanità si trovava, affermò, sulla soglia di un’epoca che sarebbe stata testimone della ristrutturazione di tutti gli aspetti dell’esistenza. Per alcuni aspetti, il ruolo del Bab può essere paragonato a quello di Giovanni Battista agli albori della Cristianità. Il Bab fu l’araldo di Bahá’u’lláh: la Sua missione principale fu quella di prepararGli la strada. La nascita della Fede Babí, di conseguenza, è considerata dai bahai come sinonimo della fondazione della loro Fede e il suo scopo fu raggiunto quando Bahá’u’lláh annunciò, nel 1863, di essere il Promesso predetto dal Bab.

                                            CONTINUA