Archivi categoria: Attività Bahai

Attività della comunità bahà’ì mantovana in generale e di Bigarello in particolare

Conversazioni dei Consiglieri su trasformazione spirituale e cambiamento sociale: terza parte

CENTRO MONDIALE BAHA’I, 7 agosto 2018, (BWNS) – Durante un convegno presso il Centro Mondiale Baha’i, vari gruppi di Consiglieri continentali hanno partecipato a conversazioni che sono state registrate dal Baha’i World News Service per una serie di podcast sul tema costruzione di comunità, trasformazione spirituale e cambiamento sociale.   

Il primo episodio esaminava alcuni programmi di educazione morale e spirituale per i giovani. Il secondo riportava esperienze di scuole comunitarie in Africa. In questo podcast, i Consiglieri riflettono sul rapporto tra il culto e il servizio e parlano di vita familiare, di comunità e di unità delle razze. 

Sokuntheary Reth parla dell’effetto di un modello di culto e servizio strettamente correlati sul carattere delle comunità, basandosi sull’esperienza della comunità baha’i di Battambang, Cambogia, dove l’anno scorso è stata costruita una Casa di culto baha’i locale.   

«Da quando abbiamo il Tempio», spiega la signora Reth, «abbiamo constatato che la gente ha compreso meglio la preghiera, il suo significato e la sua forza. Molti si accorgono che quando si recano nella Casa di culto come famiglia, i membri della famiglia si sentono molto più uniti e più vicini l’uno all’altro». 

Anche Mark Sisson proveniente dagli Stati Uniti e Taraz Nadarajah che viene dall’Australia discutono di vita familiare, comunità e razza. Si basano soprattutto sulle esperienze fatte a Sydney, in Australia, e a San Diego, negli Stati Uniti d’America. Nella loro conversazione, essi esaminano sia l’impatto delle forze sociali sulla società sia l’esperienza delle comunità baha’i che stano imparando a trascendere quelle forze per costruire nuovi modelli di vita comunitaria basate sull’unità del genere umano.   

Questo episodio podcast in inglese si trova here.    

Per ascoltare il podcast, leggere l’articolo in inglese online, o vedere le foto, si vada a news.bahai.org

Inaugurato il Tempio colombiano in una gioiosa cerimonia

AGUA AZUL, Colombia, 23 luglio 2018, (BWNS) – Domenica all’alba oltre mille persone si sono riunite per celebrare lo storico momento in cui la prima Casa di culto baha’i della Colombia ha aperto le porte le porte a tutti.  

Mentre i partecipanti, riuniti all’ombra del Tempio, aspettavano di visitare l’interno dell’edificio centrale, uno spirito di gioia e di ansiosa attesa aleggiava nell’aria. L’apertura del Tempio segna un nuovo stadio nello sviluppo della Fede baha’i in Norte del Cauca, dove la Fede ha messo radici da più di quattro decenni. 

«Sapere che ora abbiamo una Casa di culto qui da noi ci riempie di grande gioia», ha detto Carmen Rodriguez, che abita nella vicina città di Villa Rica, riflettendo sul significato del momento.  

Le corriere sono arrivate poco dopo l’alba e le persone sono affluite sotto una grande tenda dove si è svolta la cerimonia. Dopo i discorsi di apertura, i partecipanti si sono recati nell’edificio centrale per pregare.  

«Credo che la Casa di culto sia un luogo molto importante non solo per Norte del Cauca, ma anche per l’intera regione», ha detto Hender Martínez, che è venuto dalla vicina città di Santander de Quilichao. «All’interno del Tempio si respira un’atmosfera assolutamente unica, pervasa di tranquillità e di pace». 

Molti dei convenuti hanno partecipato alle prime discussioni sul progetto del Tempio nei mesi successivi al suo annuncio nel 2012 da parte della Casa Universale di Giustizia. «Ero presente in quei primi incontri nei quali la comunità ha parlato della costruzione della Casa di culto. Tutti hanno potuto contribuire al progetto con idee e concetti. Ora, ne possiamo vedere il risultato», ha detto Carlos Ever Mesur che abita nel vicino villaggio di Mingo. 

Durante la cerimonia di apertura sono intervenuti il rappresentante della Casa Universale di Giustizia, signora Carmen Elisa de Sadeghian, dignitari locali e l’architetto del Tempio. La signora de Sadeghian ha letto una lettera della Casa di Giustizia indirizzata ai partecipanti. Questa Casa di culto «si erge ora come un simbolo della bellezza insita nel nobile popolo di questa regione e il suo progetto rievoca la generosità della loro terra», afferma la lettera, datata 22 luglio 2018. 

«Questo storico momento non segna la fine di un processo», ha detto il signor Gustavo Correa, ex membro della Casa Universale di Giustizia nel suo discorso durante la cerimonia di apertura. «È un passo molto significativo in un’impresa che si propone di portare prosperità materiale e spirituale in un’intera regione».  

La signora Jenny Nair Gómez, sindaco di Villa Rica, ha ricordato nel suo edificante discorso la prima volta in cui il suo ufficio è stato contattato per esaminare l’idea di una Casa di culto. «Siamo molto onorati di avere questa Casa di culto a Norte del Cauca», ha detto. Oltre alla signora altri quattro sindaci hanno partecipato all’evento. 

Nel suo discorso sulla storia della Fede nella regione, l’ex membro della Casa Universale di Giustizia dottor Farzam Arbab ha detto: «Mentre oggi riflettiamo dopo quasi mezzo secolo di continuo progresso, ci vengono in mente alcune parole che caratterizzano i popoli della regione e le loro aspirazioni: l’enorme ricettività spirituale, la forte percezione spirituale, il sincero rispetto per le conquiste intellettuali, l’immensa capacità di gioire e nel contempo di soffrire, la gentilezza e la generosità del cuore senza chiedere nulla in cambio, l’indomita determinazione e una brillantezza di spirito che i venti dell’oppressione non possono offuscare». 

Musiche e balli tradizionali hanno avuto un posto centrale nella cerimonia di apertura e hanno dato il la allo spirito della manifestazione. 

«La Casa di culto: un emblema della nostra storia, un simbolo di progresso per l’intera regione», ha cantato un gruppo musicale mentre i ballerini danzavano. Il pezzo, intitolato “L’anima di Norte del Cauca”, parla dell’arrivo della Fede baha’i nella regione e dell’espressione degli insegnamenti di Baha’u’llah nelle speranze e nelle aspirazioni del popolo. Il gruppo ha anche eseguito una canzone intitolata “La cumbia del jardinero [la cumbia (una danza colombiana) del giardiniere]”.  

Dopo il programma di apertura, la signora de Sadeghian ha condotto il primo dei cinque gruppi all’interno della Casa di culto per un programma devozionale. Il programma consisteva di preghiere e citazioni dagli scritti baha’i, alcune cantate da un coro. Il gruppo si è poi trattenuto nel Tempio per un periodo di preghiera silenziosa prima di cedere il posto al successivo gruppo di partecipanti per un analogo programma. 

L’evento di domenica dà inizio a un mese di manifestazioni inaugurali. Ci si aspetta che 1500 persone partecipino a uno speciale programma chiamato “La mia prima visita alla Casa di culto baha’i” che prevede visite settimanali al Tempio. Il programma sarà molto simile a quello della cerimonia inaugurale di domenica e permetterà a molte più persone di partecipare alla storica inaugurazione del Tempio.  

L’inaugurazione della Casa di culto in Colombia segue l’apertura di un Tempio locale in Cambogia nel mese di settembre e precede l’apertura di altre cinque Case di culto baha’i. Nei prossimi anni è prevista l’inaugurazione di altri Templi in India, nel Kenya, a Vanuatu, nella Repubblica Democratica del Congo e nella Papua Nuova Guinea.  

Per leggere l’articolo in inglese online o vedere le foto, si vada a  news.bahai.org

Norte del Cauca attende con impazienza l’inaugurazione del Tempio

AGUA AZUL, Colombia, 21 luglio 2018, (BWNS) –

Cresce l’aspettativa per l’apertura domenica mattina della Casa di culto baha’i di Norte del Cauca, Colombia. Più di mille ospiti provenienti da tutto il paese sono attesi per la cerimonia, che avrà inizio alle 9 ora locale, 14:00 GMT.  

La cerimonia di inaugurazione del Tempio è un’occasione storica per gli abitanti di Norte del Cauca, il paese dove ora sorge quello che è la seconda Casa di culto locale baha’i del mondo. 

Quando i partecipanti arriveranno domenica mattina, vedranno il bellissimo edificio centrale, i fabbricati che sorgono ad esso e una nascente foresta nativa.   

Per leggere l’articolo in inglese online e vedere le foto, si vada a news.bahai.org. 

Per saperne di più sul processo della progettazione del Tempio e della sua squadra architettonico (in inglese), si vada a Read more here

Alla vigilia dell’inaugurazione, l’architetto riflette sulla cultura, sull’ambiente, sui principi spirituali

AGUA AZUL, Colombia, 20 luglio 2018, (BWNS) –

Quando l’architetto Julian Gutierrez Chacón è stato invitato a partecipare a un processo di selezione di progetti per la Casa di culto baha’i in Norte del Cauca, Colombia, non conosceva la Fede baha’i.  

Ora, il progetto per il secondo Tempio locale baha’i del mondo curato dalla sua impresa è diventato una realtà tangibile. L’edificio sarà inaugurato domenica. 

Riflettendo sul processo della progettazione del Tempio, il signor Gutierrez Chacón spiega che lo spirito degli abitanti di Norte del Cauca e della loro comunità baha’i lo ha toccato profondamente. «Senza dubbio, conoscere i baha’i del luogo e condividere così tanto con loro, specialmente la gente di Norte del Cauca, ci ha fatto credere di più nelle persone, nella loro bontà e nella loro umiltà», ha detto. 

«Questa esperienza ci ha restituito la speranza nella possibilità di avere un mondo migliore. Professionalmente, abbiamo imparato molto ma, e questa è la cosa più importante, ci ha fatto crescere fino ad acquisire un senso di coscienza sociale e ambientale che trascende la tecnica. Ci sentiamo privilegiati per essere stati parte di questa storica impresa». 

Il signor Gutierrez Chacón e il suo team del CUNA Ingegneria e architettura sostenibile si occupa di progetti che intendono essere in armonia con l’ambiente naturale e sociale delle comunità circostanti. Essi hanno portato la loro esperienza in queste aree nel modo in cui hanno prodotto e gestito il progetto della Casa di culto. Ma, secondo il signor Gutierrez Chacón e i suoi colleghi, questo progetto è stato molto diverso dagli altri perché si è anche avventurato nel Regno di ciò che egli definisce «architettura spirituale». 

Il signor Gutierrez Chacón ha spiegato che, nel disorientamento e nel disagio che molti percepiscono sullo stato attuale del mondo, «il Tempio è come una stella polare, una bussola, che ci può offrire un orientamento per la nostra vita». 

Gli insegnamenti baha’i sull’unità – di Dio, del genere umano e della religione – sono incarnati nella forma che accomuna tutti i templi baha’i. Sentirsi fortemente legati al principio dell’unità, dice il signor Gutierrez Chacón, «esprimere questo concetto in un edificio è una sfida molto stimolante e interessante». 

La Casa Universale di Giustizia ha scritto nel suo messaggio del 1° agosto 2014 ai baha’i del mondo che gli architetti delle Case di culto baha’i «devono affrontare la singolare sfida di progettare Templi “quant’è possibile perfett[i] nel mondo dell’essere”» e «che si armonizzino con naturalezza con la cultura locale e con la vita quotidiana di coloro che vi si riuniranno per pregare e meditare». La Casa di Giustizia ha anche scritto che i Templi combinano «due aspetti essenziali e inseparabili della vita bahá’í: culto e servizio». 

Questi due elementi della vita comunitaria sono fioriti in Norte del Cauca nel corso di decenni di sforzi per rafforzare i legami della comunità e costruire nuovi modelli di relazioni basate sull’unità e sulla giustizia.  

In questo contesto la squadra architettonica ha affrontato il suo storico progetto. Nello sforzo di creare una struttura che fosse coerente con la cultura, i valori e l’estetica del luogo, la squadra ha voluto conoscere la vita delle comunità circostanti, partecipare alle loro attività. La squadra ha anche imparato a capire il profondo legame che unisce la gente di Norte del Cauca alla terra e all’ambiente. 

Il desiderio di collegare il Tempio con il paesaggio storico della regione ha ispirato un progetto di rimboschimento del terreno che circonda la Casa di culto. Noto come Bosque nativo, il terreno circostante è ora sede di una sbocciante foresta nativa, che contrasta con le vicine piantagioni di canna da zucchero che hanno sostituito la ricca varietà della flora indigena della zona.  

«Il Bosque nativo sta riacquistando ciò che la comunità aveva perso», afferma il signor Gutierrez Chacón. I biologi ci hanno aiutati a reperire le specie originali di piante di questa zona. 

«Quando abbiamo incominciato a studiare maggiormente le piante autoctone, abbiamo capito il significato dell’albero del cacao. Prima dell’arrivo dell’industria della canna da zucchero, la comunità ricavava molte cose dal cacao – economia, ospitalità nelle case, fonte di alimentazione e di energia come bevanda». 

La squadra architettonica ha anche notato che gli edifici di Norte del Cauca sono tradizionalmente fatti di terra, utilizzando piastrelle di fango, terra battuta o mattoni di argilla. Tipici sono i grandi tetti sporgenti, spesso fatti di piastrelle di terra cotta. 

«Il cacao e la terra», dice mostrando alcune fotografie della pianta del cacao e di edifici locali che hanno ispirato la squadra. «Queste sono alcune delle cose che abbiamo studiato e utilizzato come approccio per esaminare i vari concetti». 

Il seme del cacao è suddiviso in strisce, ma le strisce sono tenute insieme come un tutt’uno. «Abbiamo usato la terra sul tetto e sulle pareti del Tempio per ricreare nei suoi nove lati questa forma familiare», dice il signor Gutierrez Chacón. 

Egli approfondisce ulteriormente il motivo della pianta di cacao: «Volevamo che il Tempio avesse una corona – dove potessimo inserire il Più Grande Nome – e anch’essa assomiglia al fiore del seme di cacao, da cui nasce una cosa viva». Questa corona, una struttura gialla situata in cima al tetto in cotto, è fatta di un materiale fluorescente che assorbe la luce solare durante il giorno ed emette luce naturale fino al tramonto. 

La collaborazione tra le molte persone che hanno lavorato per il progetto del Tempio è stato un momento culminante per il signor Gutierrez Chacón. I professionisti coinvolti, egli dice, «hanno visto questa esperienza come qualcosa di più di un semplice lavoro. Tutti sono stati ispirati sin dall’inizio dalla filosofia baha’i ed erano consapevoli dell’impatto positivo che questo progetto avrà sull’umanità.  

«La Casa di culto, dice il signor Gutierrez Chacón, è «un punto di inizio da cui tante cose si irradiano verso la vita della gente». 

Per leggere l’articolo in inglese online o vedere le foto, si vada a news.bahai.org

Nelle isole Mentawai miglioramenti in campo educativo

TUAPEIJAT, Indonesia, 4 luglio 2018, (BWNS) –

La Fede baha’i è arrivata nelle isole Mentawai, un gruppo di settanta isole al largo delle coste dell’Indonesia, negli anni 1950. Molte comunità di queste isole hanno abbracciato gli insegnamenti di Baha’u’llah, ad esempio l’essenziale nobiltà dell’essere umano, l’unità del genere umano e l’importanza dell’educazione per l’esplicazione delle vaste potenzialità latenti nella mente e nell’anima degli esseri umani. 

Negli anni successivi, la facilitazione dell’accesso all’educazione è diventata una priorità. Nei villaggi di tutte le isole sono state aperte scuole, accessibili a tutti i bambini. Nel 1963, durante il primo Congresso mondiale baha’i che si è tenuto a Londra, un giovane mentawaiano ha parlato a un pubblico di oltre seimila persone provenienti da una quarantina nazioni. Il giovane, che aveva partecipato a programmi educativi offerti dalla comunità baha’i, ha illustrato gli sviluppi occorsi nella sua patria. 

Nei decenni successivi i baha’i dell’Indonesia hanno dovuto affrontare molte sfide fino al 2014, quando il Ministero della religione ha riconosciuto la loro Fede come religione indipendente. Eppure durante tutto quel periodo, la comunità baha’i indonesiana ha gradualmente contribuito al processo educativo in tutte le isole. 

Per commemorare il bicentenario della nascita di Baha’u’llah, la comunità baha’i indonesiana ha organizzato, insieme con un’organizzazione mentawaiana di ispirazione baha’i, un convegno sull’importanza dell’educazione spirituale per la costruzione di comunità pacifiche e fiorenti. L’evento ha avuto luogo in Tuapeijat il 16 aprile. 

L’organizzazione non governativa, che si chiama Yayasan Bhinneka Tunggal Ika (YBTI), che significa Fondazione per l’unità nella diversità, promuove l’apertura di scuole di proprietà locale e che operano localmente nelle comunità isolate che compongono le isole Mentawai e offre formazione professionale per gli insegnanti. 

«Se ci guardiamo attorno, vediamo molti conflitti economici, politici e sociali», ha detto il signor Nikanor Saguruk, vice capo del Parlamento locale, nel suo discorso di apertura durante il seminario. «Ma oggi siamo molto grati all’YBTI per l’opportunità che ci ha offerto di discutere in questo seminario su come l’educazione possa aiutarci a costruire l’unità, la tolleranza e l’unità – gli elementi fondamentali per la prosperità delle nazioni». 

Al convegno hanno partecipato numerosi funzionari governativi, tra cui il dottor Muharram Marzuki, capo del Centro per la ricerca e lo sviluppo del Ministero della religione dell’Indonesia. Hanno partecipato anche vari insegnanti provenienti da cinque scuole aperte dall’YBTI che hanno eseguito una danza tradizionale mentawaiana in apertura del convegno. 

Nel suo discorso durante il convegno, la signora Seminar Siritoitet, rappresentante del reggente del distretto delle isole Mentawai, ha ricordato la trascorsa penuria di scuole accessibili ai bambini mentawaiana e gli sforzi che la comunità baha’i delle isole ha compiuto negli ultimi decenni per migliorare la situazione educativa in collaborazione con altri. 

Anche il pastore Panulis Saguntung, nel suo intervento, ha richiamato alla memoria questa storia di vecchia data. Fra i suoi ricordi d’infanzia ha ricordato di aver frequentato negli anni 1960 una scuola di un remoto villaggio mentawaiano che era gestita da due insegnanti, uno cristiano e l’altro baha’i. Gli insegnanti, ha spiegato, lavoravano insieme e davano lezione nella chiesa del villaggio, poiché non c’era nessun edificio scolastico. 

Uno dei membri del direttivo dell’YBTI, il dottor Manoochehr Tahmasebian, ha spiegato in una presentazione che l’approccio dell’organizzazione all’istruzione e alla costruzione di unità si ispira a principi tratti dagli insegnamenti di Baha’u’llah. Fondamentale tra questi, ha dichiarato, è l’importanza dell’educazione spirituale che incoraggia lo sviluppo delle qualità necessarie per costruire la pace e l’armonia sociale. L’obiettivo di questa educazione non è quello fornire un’educazione religiosa o di convertire gli studenti a una particolare fede. L’YBTI si propone di assistere i giovani delle più svariate provenienze a imparare a promuovere l’unità nella diversità e a contribuire al progresso della loro società. 

Le attività dell’YBTI fanno parte di un più ampio, ma ancora iniziale, impegno dei baha’i delle isole Mentawai di contribuire a promuovere l’educazione. I baha’i del luogo continuano ad ampliare e rafforzare un processo educativo che aiuta le persone a costruire la capacità di porsi al servizio delle proprie comunità, ad esempio offrendo ai bambini e ai giovani opportunità di educazione morale e spirituale. 

Nel frattempo, le scuole dell’YBTI si stanno attualmente concentrando sul rafforzamento di vari aspetti del loro funzionamento come la qualità della formazione accademica e morale, ha spiegato il dottor Tahmasebian. Esse stanno anche imparando ad aiutare la comunità a sentirsi sempre più proprietaria delle scuole. Lo fanno mediante periodiche visite degli insegnanti ai genitori per conversare sui progressi dei loro figli. Le scuole mirano anche a fornire ai genitori spazi nei quali possano studiare e discutere i concetti relativi all’educazione per contribuire a rafforzare il lavoro per lo sviluppo delle capacità intellettuali e spirituali delle ultime generazioni svolto in aula dagli ibsegnanti. 

Per leggere online l’articolo in inglese e vedere le foto, si vada a news.bahai.org