Archivi categoria: News bahai

Ultime Novità

L’unità e l’uguaglianza ispirano un gran capo africano

NIKKI, Benin, 24 aprile 2017, (BWNS) — Nel Benin, in Africa Occidentale, un capo del popolo fula si sta concentrando sull’unità delle diverse popolazioni della sua terra.

I fula sono ampiamente disseminati in tutta l’Africa del Nord. Essi sono considerati la più grande comunità nomade pastorale nel mondo, anche se in tempi più recenti molti di loro sono divenuti stanziali e ora sono agricoltori, commercianti e artigiani, eccetera. Il popolo fula, una comunità prevalentemente musulmana, è stato il popolo che ha diffuso l’Islam nell’Africa occidentale e, tradizionalmente, i loro capi sono stati musulmani.

Per la prima volta, questa posizione di autorità morale e consuetudinaria per i circa 100.000 fulani che vivono nella zona è detenuta da un baha’i. Il gran capo Djaouga Abdoulaye, un insegnante di scuola in pensione che ha 76 anni, è salito al trono nel mese di luglio dello scorso anno. È divenuto baha’i nel 1980 quando la Fede è stata introdotta nel Benin.

Questo cambiamento nella leadership ha stabilito un nuovo precedente, che è stato inizialmente accolto con riserve da alcuni membri della società. Tuttavia, l’esempio del gran capo Djaouga, e in particolare il suo impegno per l’unità e unicità, hanno contribuito a favorire armoniosi legami tra il clero locale e i capi tribali della regione.

La cerimonia dell’insediamento è stata un incontro vivace e gioioso che ha attratto 5000 persone e rispecchiato il principio dell’unità nella diversità. L’evento è stato trasmesso anche dalla televisione e dalla radio nazionale.

«La dimensione di questa cerimonia è stata senza precedenti», ha detto Saadou Saidou, che ha partecipato all’evento. «Il fatto che Junwuro [il gran capo Djaouga] è un intellettuale e, soprattutto, che ha le qualità che ha, significa che noi, suoi sudditi, sappiamo che durante il suo regno accadranno grandi cose».

Parlando dell’influenza degli insegnamenti baha’i sulla sua vita, il gran capo Djaouga ha detto che i principi dell’unità del genere umano e dell’uguaglianza fra gli uomini e le donne, guidati da un elevato standard morale, hanno ispirato la sua idea di leadership.

«Da quando sono diventato baha’i, ho incominciato a capire lo standard di eccellenza proposto dagli scritti baha’i», ha detto.

Il suo impegno per la giustizia e la sua speranza di rafforzare l’unità emergono nelle sue decisioni. Il tribunale del Gran Capo è divenuto un luogo al quale i sudditi possono rivolgersi per la risoluzione dei conflitti, dove i ricchi non ricevono speciali favori, dove la corruzione non ha posto e dove la posizione sociale non influenza la decisione.

Interrogato sui suoi obiettivi e sulle sue speranze per la sua comunità, il gran capo Djaouga ha dichiarato che vuole aiutare il suo popolo tradizionalmente nomade a rsolvere le difficoltà causate dal fatto che esso è considerato apolide e pertanto non può ottenere documenti di identità. Soprattutto, egli spera di promuovere l’unità tra il popolo fula.

Per leggere l’articolo in inglese on-line, visualizzare le fotografie e accedere ai link si vada a: http://news.bahai.org/story/1164

Un illustre compositore illumina le poesie di una prigioniera

OSLO, Norvegia, 17 aprile 2017, (BWNS) — In un recente importante festival musicale internazionale, una composizione è emersa fra tutte per la sua interpretazione della fede e della trasformazione spirituale in tempi di grande oppressione.

Il noto compositore norvegese Lasse Thoresen è stato ispirato dalla poesia di Mahvash Sabet, una baha’i imprigionata in Iran per la sua fede. La sua composizione musicale, “Poesie dalla prigione”, ha lo stesso titolo del volume di poesia della signora Sabet, parafrasata in inglese dal persiano.

Per il signor Thoresen, quello che lo ha magiormente ispirato delle poesie è la storia della trasformazione operata attraverso la sofferenza e la capacità dello spirito umano di trascendere le condizioni esterne e di ricambiare l’odio con l’amore.

«Mahvash Sabet è stata trattenuta in prigione in condizioni terribili per quasi dieci anni, sopportando violenze e torture», ha detto il signor Thoresen. «Pensiamo spesso che coloro che sono sottoposti a questo tipo di trattamento siano delle vittime. Ma nella poesia di Mahvash Sabet non c’è nulla che indichi che ella si consideri una vittima».

«Abbiamo a che fare con risorse spirituali che si esprimono in situazioni critiche», ha detto inoltre il signor Thorensen. «Possiamo seguire Mahvash Sabet nel suo viaggio nelle tenebre e nelle sofferenze del carcere, attraverso la frantumazione della sua identità e infine nella sua ascesa a uno stato di luminoso amore».

La signora Sabet è stata arrestata nel 2008 e imprigionata assieme agli altri sei membri dello Yaran, un consiglio informale di sette baha’i in Iran responsabile della gestione degli affari della comunità baha’i iraniana. Dopo il 1983 quando il governo sciolse l’amministrazione baha’i nazionale e locale, la comunità baha’i istituì questo arrangiamento informale con la piena consapevolezza delle autorità.

La signora Sabet e gli altri sei membri dello Yaran sono stati trattenuti senza alcuna imputazione per oltre un anno e mezzo. Prima che il loro processo incominciasse all’inizio del 2010, avevano avuto solo un’ora di accesso ai loro consulenti legali e in prigione avevano subito un trattamento orribile. Dopo un processo caratterizzato dall’inosservanza delle regolari procedure legali, sono stati condannati a 20 anni di carcere per spionaggio, propaganda contro il regime e diffusione di corruzione sulla terra.

Dato che quella prima sentenza è stata condannata in tutto il mondo, la Corte d’appello ha revocato tre delle accuse e ridotto la pena a dieci anni. Tuttavia, i prigionieri sono stati informati nel 2011 che la loro originaria condanna a 20 anni era stata riconfermata. Nonostante le ripetute richieste, né i prigionieri, né i loro avvocati hanno mai ricevuto copie ufficiali del verdetto originale o della sentenza in appello.

Nel corso della sua detenzione, la signora Sabet, insegnante di professione, ha scritto alcune poesie. La qualità e il volume delle poesie che ha prodotto sono una stupefacente impresa considerando le dure condizioni della sua prigionia. La gornalista Roxana Saberi che ha condiviso una cella nella prigione di Evin con la signora Sabet e la signora Fariba Kamalabadi, un altro membro dello Yaran, ha descritto la cella nella quale erano detenute, una stanza di quattro metri per cinque priva di letti e di cuscini. Un pezzo scritto per il Washington Post ricorda che le due donne condividevano un’unica penna, per loro molto preziosa.

Il quinto anniversario dell’imprigionamento della signora Sabet, una raccolta di sue poesie è stata parafrasata in inglese e pubblicata. Il volume, “Poesie dalla prigione”, ha suscitato consensi per la qualità letteraria delle poesie e per la sua commovente rappresentazione delle sofferenze dei baha’i dell’Iran e delle compagne della signora Sabet nelle carceri di Evin e Raja’i Shahr famigerate in Iran.

Al signor Thoresen l’intensità della poesia sembrò tale che non volle mettere in musica le parole, ma piuttosto creare una “scenografia sonora” attorno alle poesie. «Non ho voluto far cantare quelle parole», ha spiegato. «Sono troppo nude, troppo stringate. Sono così autentiche che non volevo abbellirle».

Il pezzo che ne è uscito crea un suggestivo sfondo musicale ad alcune poesie selezionate che vengono lette da Bahiyyih Nakhjavani, famosa autrice che vive in Francia, la quale ha parafrasato le poesie della signora Sabet in inglese. Comprende una complessa melodia per flauto solista che riproduce il contenuto emotivo dello scritto e registrazioni di alcune preghiere cantate dalla signora Kamalabadi, alla quale molte delle poesie della signora Sabet sono dedicate.

I ricordi della signora Roxana Saberi delle gentilezze che questi due membri dello Yaran imprigionati le hanno usato – Mahvash Sabet e Fariba Kamalabadi – illustrano la compassione e l’amore che pervade la poesia della signora Sabet, una compassione che si estende alle sue compagne detenute e anche ai suoi carcerieri.

In una delle sue poesie, la signora Sabet scrive:

L’urlo degli uccelli all’alba conferma che da lungo
Tempo l’usignolo non canta in questo giardino.
Non diciamo nulla, ma il nostro silenzio attesta
Il nostro pianto per le violette nascoste fra queste spine.

Ho scritto un messaggio su una foglia di nasturzio
E l’ho appesa alla mia porta, come un talismano.
Dice: «C’è qui un cuore ardente in attesa,
ci sono le braccia aperte di una madre».

Il pezzo del signor Thoresen ha debuttato presso il Festival internazionale di musica sacra di Oslo nel marzo 2017. Il concerto ha coinciso anche con la pubblicazione di una traduzione norvegese di “Poesie dalla prigione”. Sia il concerto sia la pubblicazione sono stati ampiamente commentati dai media nazionali e regionali, tra cui tre principali quotidiani e due programmi radiofonici in Norvegia.

Per leggere l’articolo in inglese on-line, vedere le fotografie, ascoltare il podcast, visonare un breve video e accedere ai collegamenti si vada a: http://news.bahai.org/story/1162

L’ONU riconosce il ruolo della religione nella protezione dei diritti umani

BEIRUT, Libano, 9 aprile 2017, (BWNS) — Troppe volte la religione è descritta principalmente come una forza divisiva nella società. I discorsi della gente e i media parlano di abusi di potere da parte di segmenti della leadership politica e religiosa, di alimentazione di pregiudizi e superstizioni e di violazioni della dignità e dell’onore dell’uomo.

«Queste distorsioni della religione minano una grande forza che può contribuire a combattere i mali che stanno dilaniando la società», ha spiegato Diane Ala’i, rappresentante della Baha’i International Community (BIC) presso le Nazioni Unite a Ginevra. «Questo è vero soprattutto perché la religione parla alle più alte aspirazioni degli esseri umani e li ispira ad agire per il bene come poche altre cose possono fare.

«La sfida che abbiamo davanti è di guardare alla religione da una prosepttiva diversa e di avvalerci di quei principi universali di amore, giustizia, perdono e cura degli esseri umani, che si trovano nel cuore della fede religiosa», ha proseguito.

I sentimenti della signora Ala’i sono ampiamente condivisi da leader e organizzazioni di coscienza, che hanno dialogato per anni su come si possa lavorare insieme per combattere l’ignoranza, l’odio e i pregiudizi.

Un recente capitolo in questo dialogo in atto si è apeto a Beirut durante l’incontro “La fede per i diritti” organizzato dall’ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani dal 28 al 29 marzo.

Nel suo discorso di apertura, Zeid Ra’ad Al-Hussein, alto commissario ONU per i diritti umani, ha attribuito la causa principale delle violazioni dei diritti umani alla mancanza di un profondo senso di giustizia. Per riempire questo vuoto, ha spiegato, la religione deve svolgere un ruolo fondamentale nel sostenere il rispetto della dignità e dell’uguaglianza di tutto il genere umano.

Infatti, negli ultimi anni, l’ONU ha chiesto alle comunità religiose di condividere la responsabilità di salvaguardare i diritti umani. «La religione e i diritti umani non sono in contraddizione, al contrario», ha detto la signora Ala’i.

Parlando dell’incontro La fede per i diritti, ha la signora Ala’i ha anche detto, «C’è stato un consenso sulla necessità di mostrare la natura unificante della religione, una forza per la pace, non per la guerra, una forza per l’unità, non per la violenza, una forza per la comprensione, non per il fanatismo».

Leader religiosi e attori della società civile, provenienti da tutto il mondo, hanno discusso su come si possa cooperare per salvaguardare i diritti umani di tutti. Il risultato è stato la preparazione di due documenti: la dichiarazione di Beirut su “La fede per i diritti” e 18 impegni su “La fede per i diritti”.

Un numero considerevole dei presenti veniva dal Medio Oriente e rappresentava molte comunità religiose e organizzazioni basate sulla fede.

I 18 impegni su “La fede per i diritti” si basano su molte scritture religiose. La decisione di scegliere 18 temi alluce all’articolo 18 della Dichiarazione universale dei diritti umani, che protegge il diritto alla libertà di pensiero e di religione.

Tra i testi sacri selezionati per il documento vi è un passo citato da ‘Abdu’ l-Baha durante una conferenza a New York City nel giugno 1912: «Lo scopo essenziale della religione di Dio è quello di stabilire l’unità tra gli uomini. Le Manifestazioni divine sono stati i Fondatori degli strumenti della comunione e dell’amore. Esse non sono venute per creare discordia, conflitti e odio nel mondo. La religione di Dio è causa di amore, ma se la si fa diventare fonte di inimicizia e di spargimento di sangue, la sua assenza è sicuramente preferibile alla sua esistenza, perché allora diventa satanica, dannosa e un ostacolo nel mondo umano». Il passo è incluso nel’articolo 9 dei 18 impegni su “La fede per i diritti”. L’intero discorso si trova in La promulgazione della pace universale.

Si spera che gli Impegni e la Dichiarazione dell’incontro ONU “La fede per i diritti” a Beirut siano letti e approvati dai funzionari del governo in un prossimo convegno che si terrà a Rabat, Marocco.

Per leggere l’articolo in inglese on-line, visualizzare le fotografie e accedere ai link si vada a:
http://news.bahai.org/story/1160

Un commovente omaggio dal Presidente dell’India

NEW DELHI, 3 aprile 2017, (BWNS) — Il 2017 segna il bicentenario della nascita di Baha’u’llah e in tutto il mondo migliaia di comunità baha’i si stanno preparando a celebrare questa importantissima occasione nel mese di ottobre di quest’anno.

In India, mentre i preparativi avanzano, la comunità baha’i ha ricevuto dal Presidente dell’India Sua Eccellenza Pranab Mukherjee ‒ un commovente tributo per onorare questo bicentenario. Il messaggio del presidente Mukherjee menziona la rilevanza del noto messagio di Baha’u’llah, «la terra è un solo paese e l’umanità i suoi cittadini» e invita tutti gli indiani a riflettere sulla vita e sulla visione di Baha’u’llah.

Il messaggio del presidente Mukherjee è reperibile presso http://News.Bahai.org/Story/1158

Per leggere l’articolo in inglese on-line, visualizzare le fotografie e accedere ai link si vada a:
http://news.bahai.org/story/1158

L’avanzamento della costruzione del Tempio in Cambogia

Avanzamenti nei lavori di costruzione del Tempio in Cambogia 

Battambang, Cambogia, 29 marzo 2017, (BWNS) – C’è eccitazione a Battambang mentre aumenta l’attesa per il completamento della prima Casa di Culto Baha’i locale. Decine e decine di abitanti dell’area sono entusiasti di offrire servizio alle loro comunità, come pure presso il sito del Tempio, dove centinaia di arbusti e fiori sono stati piantati dall’inizio di questa storica impresa.

Inoltre, la costruzione dell’edificio centrale e di quelli circostanti è avanzata rapidamente, e delle recenti riprese video aeree colgono la bellezza della nascente struttura e del terreno circostante.

Alcuni degli sviluppi recenti più importanti sono il completamento di vari edifici ausiliari e la costruzione della struttura del tetto in acciaio per l’edificio principale, che sarà presto seguita da rivestimento in smalto del tetto.

Una volta che il tetto sarà finito verso metà aprile, il simbolo del Più Grande Nome verrà sollevato all’interno della Casa di Culto, segnando così un’altra significativa pietra miliare nel processo di costruzione.

Mentre cresce l’entusiasmo nella popolazione locale, il governatore della città di Battambang, Mr. Chan Sophal, ha visitato il sito del Tempio il primo di marzo. Si è incontrato con i membri della comunità e ha avuto la possibilità di esaminare gli sviluppi della costruzione.

Per leggere l’articolo on-line, visualizzare fotografie e i link di accesso:
http://news.bahai.org/story/1157