Il senato statunitense chiede la liberazione dei prigionieri religiosi in Iran

WASHINGTON D.C., 1° aprile 2012, (BWNS) –

Il senato statunitense ha approvato una risoluzione che condanna il governo dell’Iran per la sua sistematica campagna di persecuzione dei baha’i e chiede
la liberazione di tutti i prigionieri iraniani che sono detenuti unicamente per le loro convinzioni religiose.

La risoluzione, approvata all’unanimità giovedì scorso, chiede anche che siano prese sanzioni contro i funzionari iraniani direttamente responsabili di violazioni dei diritti umani.

«Malgrado cinque trattati internazionali sui diritti umani che l’Iran ha sottoscritto, il governo iraniano continua a perseguitare coloro che cercano di esercitare la loro libertà di espressione, di pensiero, di coscienza e di religione», ha detto il senatore Mark Kirk, repubblicano dell’Illinois che ha presentato la risoluzione.

Il senatore Richard Durbin, democratico dell’Illinois che ha co-sponsorizzato la risoluzione, ha aggiunto: «La persecuzione di stato contro i baha’i in Iran deve cessare. L’approvazione di questa risoluzione afferma che il popolo americano sostiene i baha’i nella loro richiesta di alcuni dei più fondamentali diritti umani: sicurezza e libertà religiosa».

La risoluzione prende nota delle recenti misure internazionali che hanno menzionato la crescente oppressione dei baha’i e di altre minoranze religiose in Iran, come le recenti relazioni sui diritti umani in Iran presentate dal segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon.

La risoluzione elenca inoltre una serie di episodi che risalgono al 2008 nel quale i baha’i iraniani sono stati arrestati e imprigionati «unicamente per la loro religione».

Fra questi episodi vi sono l’arresto, il processo e la condanna a vent’anni di carcere di sette dirigenti nazionali baha’i.

La risoluzione invita l’Iran a «liberare immediatamente i sette dirigenti e tutte le altre persone che si trovano in prigione soltanto per la loro religione». Raccomanda inoltre al presidente Barack Obama e al segretario di stato Hilary Clinton di utilizzare le misure previste dall’Atto di sanzione dell’Iran del 2010 per «condannare i funzionari del Governo dell’Iran e altre persone direttamente responsabili di eclatanti violazioni dei diritti umani in Iran, comprese quelle contro la comunità baha’i».

 

Per leggere l’articolo in inglese online, vedere le foto e accedere ai link si vada a: http://news.bahai.org/story/903

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *