Un secolo dopo, il retaggio di ‘Abdu’l-Baha onorato in un ricevimento del governo britannico

LONDRA, 5 dicembre 2012, (BWNS)  – Ministri del governo e membri del parlamento hanno accolto a Londra un’ottantina di baha’i in un evento senza precedenti per rendere omaggio ad ‘Abdu’l-Baha, cent’anni dopo la Sua visita in Gran Bretagna. 

È la prima volta che il governo britannico offre un ricevimento appositamente per la comunità baha’i. 

‘Abdu’l-Baha (1844-1921) era il figlio maggiore di Baha’u’llah, da Lui nominato Suo successore a capo della comunità baha’i. Dal 1910 al 1913, dopo la sua liberazione dall’esilio e dalla prigionia, ‘Abdu’l-Baha intraprese una storica serie di viaggi per presentare gli insegnamenti di Baha’u’llah al di fuori del Medio Oriente. Le Sue due visite alle Isola Britanniche hanno avuto luogo nel settembre 1911 e da dicembre 1912 a gennaio 1913. 

Il ricevimento è stato offerto dal Dipartimento governativo per le comunità e il governo locale mercoledì 28 novembre. Nel dare il benvenuto agli ospiti, il Segretario di stato onorevole Eric Pickles ha espresso il suo apprezzamento per il contributo dei baha’i alla società britannica. Ha elogiato «il tocco di gentilezza» che ha osservato fra i baha’i» e ha soggiunto: «Non ce la caveremmo così bene senza i baha’i nella nostra comunità». 

L’onorevole Don Foster, ministro per l’integrazione, ha detto che fra le persone importanti provenienti dalla sua circoscrizione elettorale, era orgoglioso di includere Ethel Rosenberg, membro fondatore della comunità baha’i britannica. 

«Continuate a distinguervi nelle professioni, nelle arti e in particolare negli importantissimi campi dell’educazione e della risoluzione dei conflitti», ha detto ai baha’i il signor Foster. L’«importante verità» di ‘Abdu’l-Baha che “dobbiamo perseguire assieme la pace e le differenze di razza e le divisioni fra le religioni devono cessare” è una verità oggi come lo era allora», ha proseguito. 

Kishan Manocha, parlando a nome dell’Assemblea Spirituale Nazionale dei baha’i del Regno Unito, ha ringraziato il signor Pickles per aver offerto il ricevimento, che ha descritto come «un grande onore e un immenso piacere» 

La scrittrice e attrice Annabel Knight, che è baha’i, ha notato che la visita di ‘Abdu’l-Baha è stata una pietra miliare per la comunità nascente e ha aiutato il manipolo di baha’i britannici a cementare la loro identità e a collocare il servizio al centro della loro vita comunitaria.

 

Per leggere l’articolo on line, vedere le foto e accedere ai link:

http://news.bahai.org/story/932

Per scaricare gratuitamente i libri su ‘Abdul’-Bahá: vai a http://ebooksbahai.org/?cat=9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *