I baha’i iraniani subiscono una discriminazione diffusa e radicata, afferma un Comitato dell’ONU

GINEVRA, 23 maggio 2013, (BWNS) — Il 22 maggio u.s. il Comitato
dell’ONU per i diritti economici, sociali e culturali ha inviato una
serie di precise raccomandazioni al governo iraniano. Fra queste c’è
l’invito di assicurare che tutti i cittadini, indipendentemente dal
credo religioso, godano di tutti i diritti senza discriminazioni.

Il Comitato ha specificamente menzionato la comunità baha’i,
esprimendo la sua preoccupazione che i baha’i iraniani subiscono <<una
discriminazione diffusa e radicata, che comprende il divieto di
accesso all’impiego nel settore pubblico, nelle istituzioni
dell’istruzione superiore e ai benefici del sistema pensionistico>>.
Esso raccomanda che l’Iran <<prenda provvedimenti per assicurare che i
membri della comunità baha’i siano protetti da ogni tipo di
discriminazione e di esclusione>>.

Diane Alai, rappresentante della Baha’i International Community presso
le Nazioni Unite a Ginevra, ha apprezzato le parole del Comitato,
espresse nelle <<osservazioni conclusive>>.  Ha detto: <<Il rapporto del
Comitato illustra le dimensioni delle persecuzioni dei baha’i in Iran,
che riguardano l’impiego, l’istruzione e questioni culturali>>.

Ha notato che i membri del Comitato hanno interrogato alcuni
funzionari iraniani durante una sessione durata un giorno all’inizio
del mese, chiedendo fra l’altro perché il Governo sente la necessità
di riconoscere una religione per garantire alle persone alcuni diritti
e perché la discriminazione contro i baha’i appare così diffusa.

<<La libertà di religione appartiene ai cittadini e non al potere degli
stati>>, ha detto ai funzionari iraniani Nicolaas Schrijver, membro del
Comitato per l’Olanda, durante la sessione del 1° maggio.

Nella sua relazione, il Comitato ha anche raccomandato che l’Iran
prenda provvedimenti per garantire <<agli studenti baha’i il libero
accesso alle università e alle scuole professionali>>.

La relazione tratta anche molte altre violazioni dei diritti umani in
Iran, dalla discriminazione contro le donne e le minoranze etniche
nell’istruzione e nell’impiego alla mancanza di protezione per i
sindacati indipendenti.

Per leggere online l’articolo in inglese, vedere le foto e accede ai
link si vada a:
http://news.bahai.org/story/958

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *