Tre bahá’í accoltellati in Iran, sembra trattarsi di un episodio criminale di odio religioso

GINEVRA, 7 febbraio 2014, (BWNS) — La Bahá’í International Community ha appreso che lunedì 3 febbraio u.s. tre bahá’í sono stati accoltellati nella loro abitazione a Birjand, in Iran, da un ignoto intruso. Sembra trattarsi di un episodio criminale di odio religioso.

I tre, marito, moglie e figlia, sono sopravvissuti, ma si trovano attualmente in terapia intensiva in un vicino ospedale.

Secondo voci giunte dall’Iran, l’aggressore, che era mascherato, è entrato nella casa di Ghodratollah Mavadi e sua moglie, Touba Sabzehjou, attorno alle 8 di sera.

Ha immediatamente aggredito con un coltello o altra arma appuntita il signor Mavadi, la signora Sabzehjou e la loro figlia, Azam Mavadi, ferendoli gravemente tutti e tre.

Il signor Mavadi è stato colpito all’addome e al fianco, la signora Sabzehjou al collo. Entrambi hanno perso coscienza per l’emorragia.

La signorina Mavadi, pur gravemente ferita, è riuscita a chiamare la polizia e i tre sono stati trasferiti all’ospedale, dove sono stati sottoposti alle cure del caso.

La signora Diane Alá’í, rappresentante della Bahá’í International Community presso le Nazioni Unite a Ginevra, ha detto che apparentemente l’aggressore si prefiggeva di uccidere i tre innocenti bahá’í nella loro abitazione.

«Non vi sono dubbi che questo crimine abbia motivazioni religiose. Il signor Mavadi era un ben noto dirigente della comunità bahá’í di Birjand.

«Ora ci interessa solo che la famiglia Mavadi guarisca. Ma ci interessa anche che le autorità in Iran diano immediatamente avvio alle indagini per portare l’esecutore davanti alla giustizia.

«La cosa triste è che dal 2005 ci sono state oltre cinquanta aggressioni fisiche contro bahá’í iraniani e che nessuno degli aggressori è stato processato o altrimenti portato davanti alla giustizia. E nello stesso periodo almeno nove bahá’í sono stati assassinati in circostanze sospette e gli assassini sono rimasti impuniti.

«Recentemente, per esempio, un bahá’í di Bandar Abbas è stato ucciso e la polizia non ha ancora incriminato nessuno. Il signor Ataollah Rezvani, anche lui dirigente della comunità bahá’í della sua località, è stato assassinato nella sua automobile con un colpo di pistola alla testa il 24 agosto 2013.

«Se il nuovo governo del presidente Hassan Rouhani è sincero quando afferma che sotto la sua presidenza tutti godranno di pari diritti, questo nuovo caso deve essere preso molto seriamente e si deve incominciare subito a cercare l’uomo che ha aggredito la famiglia Mavadi.

«Siamo confortati dal fatto che ancora una volta gli iraniani non-bahá’í stanno esprimendo la loro profonda preoccupazione e il loro sostegno ai bahá’í dell’Iran, come è evidente da molti post on line che chiedono che i bahá’í siano trattati con giustizia», ha detto la signora Alá’í.

Per leggere l’articolo in inglese online, vedere le foto e accedere ai link si vada a: http://news.bahai.org/story/979

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *