Il Primo Ministro samoano elogia la comunità baha’i nel LX anniversario

APIA, Samoa, 1° marzo 2014, (BWNS) — Il Primo Ministro samoano ha espresso la sua gratitudine alla comunità baha’i del Paese per il prolungato servizio da essa reso allo sviluppo della società samoana.

L’onorevole Tuilaepa Sailele Malielegaoi ha espresso le sue osservazioni durante le celebrazioni del LX anniversario dell’insediamento della Fede baha’i nella sua nazione insulare nel Pacifico. 

«Colgo l’occasione per esprimere l’apprezzamento del Governo per il vostro importante contributo alla vita spirituale del nostro Paese», ha detto. 

Il Primo Ministro ha detto che il lavoro della comunità baha’i, assieme a quello di tutte le chiese in Samoa, è importantissimo per aiutare la gente a dare il meglio di se stessa.

Altri ministri del Governo si sono uniti al Primo Ministro e ai rappresentanti della comunità baha’i in una speciale celebrazione che ha avuto luogo nel Samoa Tradition Resort martedì 14 gennaio 2014.

Egli ha inoltre assicurato i presenti che il Governo samoano fa tutto il possibile per garantire a tutti il diritto al culto.

«Sappiamo che in molti paesi del mondo si continua a violare i diritti e le libertà umane», ha detto. «Essendo impegnata nei confronti delle altre nazioni come membro delle Nazioni Unite, Samoa cerca di sostenere gli sforzi per la protezione dei diritti umani nei vari paesi, compreso l’Iran, dove la Fede baha’i è perseguitata».

La Fede baha’i è stata introdotta in Samoa nel 1954 con l’arrivo di una signora australiana di origine svizzera, Lilian Wyss. Il Capo dello stato samoano dal 1962 al 2007, Sua Altezza Susuga Malietoa Tanumafili II, è stato il primo sovrano regnante ad accettare la Fede baha’i. Egli ha inaugurato la Casa di culto a Tiapapata nel 1984. Uno speciale servizio commemorativo si è svolto nel Tempio il 12 gennaio, durante il quale i baha’i e i loro amici hanno celebrato e riesaminato le pietre miliari dello sviluppo della loro comunità.

In un messaggio per l’anniversario, la Casa Universale di Giustizia ha scritto: «Siamo molto lieti di vedere che la Casa di culto in Samoa – un edificio dedicato all’unione fra preghiera e servizio – favorisce i legami di unità fra cuore e cuore, dando impulso al processo rigenerativo della costruzione di comunità in tutta la vostra nazione insulare». 

Un membro dell’Assemblea Spirituale Nazionale dei baha’i di Samoa, Peseta Demetrius Fogaseuga Taofiga, ha detto che le celebrazioni hanno offerto un’occasione per riflettere sulle sfide e sulle vittorie di sei decenni.

«È anche un’occasione per consultarsi sui modi e sugli strumenti per costruire comunità migliori e per continuare a servire Samoa e il suo popolo», ha detto.

Per leggere l’articolo in inglese online, vedere le foto e accedere ai link si vada a:

http://news.bahai.org/story/981

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *