Il «significato» e il «coraggio» del dono offerto dall’ayatollah iraniano ai baha’i lodato da due presuli anglicani

LONDRA – Due presuli della Chiesa d’Inghilterra hanno lodato lo storico gesto di un ayatollah iraniano il quale la settimana scorsa ha invocato la «coesistenza» religiosa dedicando ai baha’i del mondo, in particolare a quelli dell’Iran, la trascrizione calligrafica miniata di un passo dei loro sacri testi.

Lord Rowan Williams di Oystermouth, ex arcivescovo di Canterbury, ha detto che il dono dell’ayatollah Abdol-Hamid Masoumi-Tehrani ha un «grandissimo significato».

«Esso non è solo un atto personale di gentilezza, ma un elemento del mondo islamico nel suo aspetto migliore e più creativo che apprezza molto tutto ciò che aiuta gli esseri umani a rispondere alla divina volontà di pace e comprensione», ha detto il dottor Williams. 

«Assieme a molte altre persone di tutte le fedi, pregherò che questo gesto segni una svolta nell’atteggiamento dell’Iran verso la comunità baha’i e rendo grazie per il coraggio e la generosità che hanno motivato questo dono».

Prima di lui, Christopher Cocksworth, vescovo di Coventry, ha detto che era stato «rincuorato dalla notizia» del dono che l’Ayatollah Tehrani aveva offerto ai baha’i.

«Date le sistematiche e prolungate sofferenze della comunità baha’i in Iran, questo è un gesto fantasiosamente coraggioso compiuto da un noto dotto musulmano iraniano», ha detto il dottor Cocksworth il 5 aprile.

Il gesto dell’ayatollah Tehrani «ricorda a tutti noi che malgrado la natura disumanizzante di molti conflitti odierni, i capi religiosi condividono la responsabilità di incoraggiare la libertà di religione e di credo e di promuovere un maggiore rispetto della dignità umana», ha detto il vescovo Cocksworth, che è il rappresentate della Chiesa d’Inghilterra per la politica estera.

Il dono dell’ayatollah Tehrani è stato annunciato il 7 aprile 2014 quando egli pubblicò un’immagine della sua opera nel suo sito web, assieme a una dichiarazione personale sulle ragioni per cui aveva creato una versione calligrafica di alcuni versi del Kitab-i-Aqdas, il Più Santo Libro di Baha’u’llah. 

«Offro questo prezioso simbolo, un’espressione di simpatia e di sollecitudine da parte mia e da parte di tutti i miei concittadini dalle larghe vedute che rispettano gli altri per la loro umanità e non per la loro religione o il loro culto, a tutti i baha’i del mondo e soprattutto a quelli dell’Iran che hanno sofferto in molti modi a causa di un cieco pregiudizio religioso», ha detto l’ayatollah Tehrani.

La notizia di questo gesto è stata rapidamente divulgata dagli organi di stampa e dai social media la settimana scorsa. 

Inoltre, Christian Solidarity Worldwide (CSW), che promuove la libertà religiosa, ha pubblicato venerdì scorso un elogio del gesto dell’ayatollah Tehrani.

«Il gentile gesto dell’ayatollah Tehrani nei confronti della comunità baha’i è particolarmente gradito in un momento in cui la comunità è attivamente presa di mira e diffamata dal regime iraniano», ha detto Mervyn Thomas, capo esecutivo del CSW.

«Decine di baha’i si trovano in prigione e la comunità è sottoposta ad attacchi, vessazioni e intimidazioni. Il CSW esorta il presidente Rouhani a imitare l’inclusivismo dell’Ayatollah difendendo i diritti della comunità baha’i a una pari cittadinanza e a garantire la libertà di religione e di credo a tutte le comunità religiose».

Il gesto dell’ayatollah Tehrani è stato compiuto al prezzo di un grande rischio personale, dato che il governo iraniano si rifiuta di riconoscere la Fede baha’i come religione e perseguita sistematicamente i baha’i sin dalla Rivoluzione islamica del 1979.

Per leggere l’articolo in inglese online, vedere le foto e accedere ai link si vada a: http://news.bahai.org/story/988

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *