In Malesia, musica e preghiere esprimono la speranza di una maggiore armonia

SUBANG JAYA, 12 settembre 2014, (BWNS) — Centinaia di malesi hanno partecipato assieme a dignitari del governo, di comunità religiose e di altre organizzazioni a un incontro musicale di preghiera che si proponeva di migliorare l’armonia razziale e religiosa nel paese. 

Domenica 31 agosto, settecento persone hanno partecipato al Merdeka Unity Devotional organizzato dalla comunità baha’i malese in seguito alla richiesta del governo di indire molti incontri di preghiera in occasione del giorno dell’indipendenza.  

«È evidente che negli ultimi decenni le forze sprigionate dalla nostra mescolanza etnica sono cresciute», ha osservato il membro del parlamento Tan Sri Joseph Kurup, ministro nel Dipartimento del Primo Ministro, che è stato l’ospite d’onore dell’incontro.  

«Le nostre comunità sembrano essersi divise . . . la diversità è diminuita nelle nostre scuole e le nostre comunità sono maggiormente radicalizzate, Non è un problema che possiamo ignorare nella speranza che scompaia», ha detto. 

Il signor Kurup ha espresso la sua «più profonda gratitudine» alla comunità baha’i «per il suo duro lavoro per promuovere e preservare l’unità per le future generazioni». 

Ma «non possiamo accontentarci di avere incontri di preghiera come questo una volta l’anno», ha aggiunto. «Raccomandiamo alle persone delle varie provenienze e fedi nei nostri quartieri di riunirsi in preghiera nelle case, ogni qual volta sia possibile». 

La signora Sarojini Pasupathy, membro della Federazione delle organizzazioni malesi e cingalesi, ha espresso il suo apprezzamento della comunità baha’i dicendo: «Per la prima volta dopo una prolungata sensazione di divisione, ho sentito l’unità dei malesi». 

«È stato così bello e commovente. Se avremo un maggior numero di funzioni come la vostra, vinceremo definitivamente questa tendenza negativa e rifaremo della Malesia un paese armonioso». 

Un coro di 95 persone ha cantato arrangiamenti musicali di sacre scritture. C’è stato anche un pregnante momento di silenzio in ricordo delle 300 persone, passeggeri ed equipaggio, che il 17 luglio u.s. hanno perso la vita nel volo MH17 delle linee aeree malesi.  

L’incontro segnava il culmine del primo festival musicale baha’i della Malesia che aveva avuto inizio due giorni prima nel centro baha’i di Subang Jaya, che si trova a circa 20 chilometri a occidente della capitale Kuala Lumpur. 

Di età compresa fra 9 e 62 anni, i partecipanti al Festival sono venuti da tutta la Malesia e da Singapore per discutere le loro esperienze sulla costruzione di comunità nelle rispettive località. Durante i seminari essi hanno esibito i loro talenti musicali, hanno imparato a lavorare con un maggior spirito di collaborazione e hanno trovato modi per impiegare i loro talenti per sviluppare ulteriormente le rispettive comunità. 

Il partecipante più anziano, noto come zio Chin e venuto dallo stato di Sabah, si è unito ai canti in coro, ha composto musica con un gruppo e ha suonato il tamburo assieme agli altri per dare il ritmo. 

«Se pensate di essere troppo vecchi, non posso aiutarvi», ha detto scherzosamente ai suoi compagni musicisti- «Ma se volete sentirvi più giovani e più felici, unitevi a noi». 

Per leggere l’articolo in inglese online, vedere le foto e accede ai link si vada a: http://news.bahai.org/story/1018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *