Per sorridere un po’

 Un marito devoto e molto attivo, dopo anni di sacrificio e impegno di lavoro fuori l’ambito di casa, una sera durante i minuti dedicati alla preghiera, fa il confronto tra il suo impegno di lavoro e quella casalinga della moglie, esprimendo il desiderio di invertire i ruoli con lei.La sua devozione è talmente sincera che la mattina seguente si vede nei panni di sua moglie.Quindi si alza presto, prepara il caffè al marito, l’accompagna alla porta, sveglia i bambini, li pulisce, li prepara, li accompagna a scuola, passa a fare la spesa, torna a casa a fare la lavatrice, lavastoviglie, cucina, mette in ordine la casa e il giardino, torna a riprendere i bambini dalla scuola, dopo pranzo rigoverna, e li porta a danza e piscina, ….. finche, all’ora del rientro del marito, crolla e si mette davanti alla T.V., come la vedeva lui, al suo rientro a casa.La situazione va avanti per qualche giorno in questi termini, finche, una sera, egli, esausto dal tran tran intenso della vita da casalinga, durante i soliti minuti di preghiera e meditazione, confessa il suo pentimento e richiede a Dio il suo ruolo maschile. Al che, sente una voce paterna che gli dice: D’accordo, figliolo. Ma ora, devi aspettare per lo meno nove mesi!

 

Quattro neo-defunti si ritrovano, per il giudizio finale, davanti a Dio.
Tu cosa sei? Sono musulmano. Va bene, mettiti lì.
Tu cosa sei? Sono cristiano. Va bene, mettiti là.
Tu cosa sei? Sono ebreo. Va bene, mettiti qua.
Tu cosa sei? Sono bahà’ì. Baha cosa….?

In un centro commerciale due uomini si incontrano per caso perché, ambedue sono in cerca della propria moglie, impegnate a fare lo shopping.
Il primo descrive la sua moglie, alta, snella, bionda, con gli occhi azzurri, ecc. e chiede all’altro: e la sua come’è?
Il secondo risponde: Non importa cercare mia moglie; piuttosto, cerchiamo la Sua!

Dopo una cerimonia funebre per una donna deceduta, gli addetti al servizio sollevano la cassa per uscire dalla porta della sala di cerimonia; ma, urtano lo spigolo del muro e lesionano la bara, dall’interno del quale sentono il fievole lamento della donna. Quindi, la riaprono subito e rianimano la signora che torna a vivere per altri 10 anni e dopo muore. Il marito riorganizza la cerimonia, al termine del quale gli addetti procedono a portarla fuori la sala. Non appena si avvicinano alla porta, il marito rompe il silenzio religioso in atto e con un scatto spontaneo urla “attenti allo spigolo”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *