«Legati dalla misericordia di Dio»: Un convegno mette in luce il ruolo della religione nel cambiamento sociale

MADRID, 27 aprile 2016, (BWNS) — Un recente evento interreligioso, co-ospitato dalla Comunità baha’i spagnola, ha visto 200 partecipanti occuparsi di come le comunità religiose possano lavorare collettivamente per il miglioramento del mondo. 

Intitolato «Legati dalla misericordia di Dio”, l’evento ha avuto luogo il 17 aprile 2016 ed è stato organizzato da più gruppi religiosi, tra cui l’Associazione monastica internazionale per il dialogo interreligioso, la sezione per l’azione sociale e missionaria della Chiesa cattolica nazionale spagnola, la Casa turca e la Comunità baha’i. 

Nel discorso di apertura, i rappresentanti della comunità baha’i hanno detto che incontro intendeva cercare di comprendere la fondamentale unità delle religioni del mondo ed esplorare il ruolo della religione nell’affrontare le complesse problematiche dell’umanità. 

«Tutte le tradizioni religiose colgono alcuni aspetti del grande mistero», ha detto don Jose Luis Navarro, sacerdote cattolico e presidente dell’Associazione monastica internazionale per il dialogo interreligioso, riconoscendo l’unità intrinseca delle varie religioni. 

«La Spagna ha una lunga tradizione nelle attività interreligiose», ha detto Sergio Garcia, direttore dell’Ufficio baha’i degli affari pubblici, in Spagna. Tuttavia, egli ha osservato che una sfida che spesso si incontra in questi dibattiti è quella di portare la discussione delle questioni al di là dell’astratto. Un obiettivo di questo evento era di fondare le conversazioni su azioni pratiche che possano essere svolte dai vari gruppi religiosi presenti. 

«Nonostante quello che vediamo talvolta essere fatto in nome della religione, la verità è che la religione è stata la causa di un grande progresso sociale in passato», ha detto il signor Garcia, «ma noi possiamo sfruttare questo suo potere per il bene comune anche oggi». 

I partecipanti hanno esaminato le implicazioni dell’applicazione degli insegnamenti spirituali alla vita quotidiana e alle sfide che la società deve affrontare. «Verità non significa nulla a meno che non cerchiamo di applicarla nel mondo, nell’ambito della giustizia», ha detto il rabbino Mario Stofenmacher della comunità di Masorti Bet-El.

 I partecipanti hanno riconosciuto che per realizzare un cambiamento sociale occorre la partecipazione dei vari attori nella società. «La trasformazione della società richiede la creazione di capacità a livello dell’individuo, delle istituzioni e della comunità», ha detto Miryam Sanz, rappresentante della Comunità baha’i spagnola. «Alla luce della visione di Baha’u’llah, questo processo di cambiamento positivo deve portare a un mondo giusto, unificato, prospero e sostenibile, dove tutti possano contribuire alla generazione di conoscenza sullo sviluppo sociale».

 L’incontro ha anche evidenziato il fatto che la religione deve svolgere un ruolo più significativo nella lotta contro il pregiudizio e il fanatismo. Le comunità religiose rappresentate hanno individuato questo scopo come un’importante area primaria nella quale agire.

 Per leggere l’articolo in inglese on-line, visualizzare le fotografie e accedere ai link si vada a: http://News.Bahai.org/Story/1104

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *