Il Tempio baha’i salutato come un “dono” trascendente al Cile e al continente

SANTIAGO del Cile, 13 ottobre 2016, (BWNS) — Alla periferia di Santiago, ai piedi delle Ande, un evento straordinario ha avuto luogo oggi — la tanto attesa dedicazione pubblica della Casa di culto baha’i del Sud America, l’ultimo Tempio baha’i continentale.

500 ospiti provenienti dal Cile, tra cui personaggi di spicco del governo e della società civile, e rappresentanti dell’America del Sud, Centrale e del Nord e dei Caraibi e di altri paesi più lontani, si sono riuniti per la prima di una serie di cerimonie di apertura il prossimo fine settimana che porteranno più di 5.000 baha’i da 110 paesi sotto l’alta cupola della Casa di culto.

Aprendo la cerimonia di inaugurazione, Felipe Duhart — Segretario dell’Assemblea Spirituale Nazionale del baha’i del Cile — ha detto che il desiderio dei baha’i è che «la Casa di culto divenga il centro del cuore e il centro nevralgico di questa Comunità», e «un rifugio dove pregare».

Questo ruolo della Casa di culto come «spazio trascendente che cerca l’unità e il rispetto di tutte le provenienze religiose» è stato sottolineato dal rappresentante del Presidente del Cile, il Ministro Segretario generale Nicolás Eyzaguirre.

«Questo Tempio abbellisce il nostro paesaggio», ha aggiunto. «Diventerà un simbolo e ci ricorderà quanto sia importante trovare l’unità tra la città e la natura».

Il Tempio si trova in Peñalolen, un comune il cui nome nella lingua locale significa “riunione di fratelli”. Per il sito dell’ultima Casa di culto continentale baha’i, non potrebbero esserci un nome migliore e una posizione migliore.

Il governatore del comune di Peñalolen, Claudio Orrego, ha rivolto al pubblico parole commoventi. Facendo eco alle osservazioni del Ministro, ha spiegato che il Tempio è stato accolto come un «grandissimo dono» offerto ai cittadini del Cile e oltre.

«Oggi vediamo la bellezza della sua struttura, insieme con tutte le forze divine e umane che lo hanno reso possibile», ha detto il signor Orrego.

«Santiago sarà diversa da ora in poi a causa di questo bellissimo tempio che ci è stato donato… Non importa a quale religione apparteniamo, il credo che professiamo, le nostre città sono piene di sete di silenzio e trascendenza».

Gli ospiti riuniti — molti di loro vestiti in costume tradizionale — sono saliti lungo il pendio della montagna per il primo programma devozionale tenuto nella Casa di culto. Il rappresentante della Casa Universale di Giustizia, la signora Antonella Demonte, ha dato il benvenuto e poi preghiere e sacre Scritture sono state recitate e cantate da un coro di 60 cantanti provenienti dal Cile e da comunità baha’i di tutto il mondo.

Una preghiera per l’unità è stata cantata nel linguaggio indigeno Mapuche del Cile da Berta Blanco, che è stata tra i primi del suo popolo a unirsi alla comunità baha’i più di 40 anni fa.

«Penso che il Tempio porterà molti cambiamenti per la mia famiglia, per la mia comunità, per il mio popolo, per la tradizione da cui provengo», ha detto.

L’erezione del Tempio nella città è stato accolta con favore anche dai rappresentanti di diverse comunità religiose del Cile.

Padre Georges Abed della Chiesa Siriana Ortodossa vive e lavora a Santiago da circa 26 anni. Ha detto che la Casa di culto è «un grande dono alla nostra società, perché aiuta ad aprire la mente e a vedere la fratellanza degli abitanti della città».

Rabbi Daniel Zang, che rappresentava la comunità ebraica, ha detto: «Pregare insieme fa parte del nostro culto: pregare che tutta l’umanità si unisca e chiedere a Dio la pace e la fratellanza».

Oggi, il potere del Tempio di unire l’umanità in tutte le sue varie culture e colori e la sua posizione incomparabile tra la città e le montagne erano in piena vista.

Per leggere l’articolo in inglese on-line, visualizzare le fotografie e accedere ai link si vada a: http://News.Bahai.org/Story/1128

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.