La festività di Ridvan celebrata in tutto il mondo

BAHA’I WORLD CENTRE, 7 maggio 2017, (BWNS) — Per 12 giorni a fine aprile e inizio maggio le comunità baha’i in tutto il mondo hanno celebrato la loro festa più sacra: Ridvan.

Questa festività annuale ricorda l’anniversario dei giorni trascorsi da Baha’u’llah sulle rive del fiume Tigri a Baghdad.

Nel 1863, Baha’u’llah sostò in un giardino sulle rive del fiume Tigri per 12 giorni, durante i quali i Suoi molti ammiratori nella città andarono a dirGli addio. Baha’u’llah annunciò agli amici che Gli erano vicini in quei giorni che Egli era il Messaggero di Dio per una nuova era, preannunciato nelle Scritture del mondo. Egli chiamò quel giardino “Ridvan”, che significa “paradiso”.

Nel periodo di Ridvan Baha’u’llah inoltre proclamò i principi spirituali fondamentali sui quali i Suoi insegnamenti si basano — l’arrivo di una nuova fase dell’evoluzione della vita dell’umanità, caratterizzata dalla pace e dalla fine della violenza.

Oggi, la festività di Ridvan è il più gioioso dei giorni santi baha’i. Nei villaggi, nelle cittadine e nelle città del mondo, le comunità baha’i celebrano questi giorni speciali con incontri aperti a tutti.

Inoltre il primo giorno di Ridvan, in migliaia di località in tutto il mondo, i baha’i votano per i loro consigli direttivi locali. E durante i 12 giorni festivi di Ridvan, in circa 180 paesi e territori hanno luogo convenzioni nazionali, durante le quali alcuni delegati si riuniscono per votare l’Assemblea Spirituale Nazionale, un consiglio di nove membri responsabile di guidare, coordinare e stimolare l’attività dei baha’i nella sua giurisdizione. Le elezioni baha’i sono caratterizzate dalla mancanza di candidature e di campagne elettorali. Quest’anno, le elezioni nazionali hanno avuto luogo in due fine settimana: 22-23 aprile e 29-30 aprile.

Ogni anno il primo giorno di Ridvan, la Casa Universale di Giustizia invia un messaggio ai baha’i del mondo. Il messaggio di quest’anno ricorda che «l’ultimo bene dell’umanità dipende dal superamento delle sue differenze e dal solido conseguimento della sua unità».

Esso afferma inoltre: «Ogni contributo che i bahá’í offrono alla vita della società mira a promuovere l’unità. Ogni sforzo di costruzione della comunità è diretto verso questo stesso scopo».

Per leggere l’articolo in inglese on-line, visualizzare le fotografie e accedere ai link si vada a: http://news.bahai.org/story/1166

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.