Aung San Suu Kyi riunisce i capi religiosi di Myanmar

YANGON, Myanmar, 30 luglio 2017, (BWNS) — Ogni anno da decenni, il premio Nobel per la pace Daw Aung San Suu Kyi tiene una cerimonia commemorativa in onore dei nove politici, tra cui suo padre, che sono stati assassinati sei mesi prima che il Myanmar ottenesse l’indipendenza dalla Gran Bretagna. La cerimonia di quest’anno il 19 luglio coincideva con il settantesimo anniversario della morte del generale Aung San.

Originariamente incominciata dalla signora Aung San Suu Kyi e da sua madre, la cerimonia commemorativa annuale è diventata un importante spazio per unire diversi gruppi di preghiera e di pace nel corso degli anni.

Quest’anno, in un Myanmar per la maggior parte buddhista, la signora Aung San Suu Kyi ha cercato di riunire in particolare i gruppi religiosi minoritari, tra cui i leader religiosi baha’i, cristiani, indù, ebrei e musulmani. Durante la commemorazione, la signora ha parlato con entusiasmo della comunità baha’i e dei suoi insegnamenti sull’unità.

La signora Aung San Suu Kyi è da molto tempo nota per il suo impegno nella promozione della pace e nel 1991 è stata insignita del premio Nobel per la pace in riconoscimento della sua promozione della lotta non violenta per la democrazia e i diritti umani. Questo è avvenuto sullo sfondo dei conflitti civili ed etnici che hanno afflitto il Paese dalla metà del ’900, quando ha ottenuto l’indipendenza dopo oltre un secolo di colonizzazione. Per molti anni, il Myanmar ha attraversato un periodo di profonda transizione, aprendosi gradualmente al mondo.

«Aung San Suu Kyi ha capito che il ruolo dei leader religiosi è molto importante per ricostruire la nazione la pace e perciò ha organizzato una riunione di questo tipo», ha detto il vescovo ausiliare John Saw Yaw Han che ha partecipato all’evento, come riportato da ucanews.com.

Un altro partecipante U Saung Lwin Aung, un leader musulmano proveniente da Yangon, ha detto a UCA News che «il raduno di tutti i capi religiosi è molto importante perché nel Paese i discorsi di odio è stanno prendendo forza, quindi dobbiamo unirci mano nella mano per combatterli mediante discorsi d’amore».

«Poiché l’unità della razza umana e la necessità di eliminare tutte le forme di pregiudizio e di stabilire la pace sono tra i più importanti principi degli insegnamenti di Baha’u’llah, la ricerca della pace nel Myanmar è molto cara al cuore dei baha’i di questo Paese», ha detto U Myint Zaw Oo, un rappresentante della comunità baha’i riflettendo dopo la riunione sull’importanza della riunione di diversi leader religiosi in quella significativa occasione.

La comunità baha’i del Myanmar è una delle più antiche del mondo, risalendo al tempo di Baha’u’llah quando, nel 1878, due credenti presentarono gli Insegnamenti baha’i al popolo del Myanmar (che a quei tempi si chiamava Birmania). Da quel momento in poi, la neonata comunità crebbe rapidamente e si consolidò nel paese.

Per vedere le foto e leggere l’articolo in inglese online si vada a http://news.bahai.org/story/1183

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *