Nell’imminenza del bicentenario, si moltiplicano le celebrazioni

BRUCK AN DER LEITHA, Austria, 12 settembre 2017, (BWNS) — Paese dopo Paese, fervono i preparativi per il bicentenario della nascita di Baha’u’llah, dando vita a una varietà di espressioni, come opere d’arte, tributi di leader nazionali e locali e celebrazioni comunitarie.

Un interessante esempio si è avuto nella città austriaca di Bruck an der Leitha, dove l’8 settembre 2017 l’ufficio del sindaco ha organizzato una festa per il duecentesimo anniversario della nascita di Baha’u’llah. Con quasi duecento persone presenti nella sala del Municipio, la celebrazione ha riunito leader della comunità e cittadini per onorare il messaggio di pace e di unità annunciato da Baha’u’llah.

Nel suo discorso durante la celebrazione il sindaco Richard Hemmer ha parlato degli insegnamenti baha’i sull’unità. La storia è macchiata di violenza, ha spiegato, e non dovremo mai dimenticare le atrocità del passato. Egli ha poi indicato la comunità baha’i come un esempio di un gruppo che ha scelto un percorso di pace, nonviolenza e inclusione.

Un baha’i del luogo, Sussan Zarifzadeh, ha collaborato con l’ufficio del sindaco nell’organizzazione dell’evento. Negli ultimi anni la signora Zarifzadeh e la sua famiglia hanno aiutato alcuni rifugiati a stabilirsi a Bruck. È stato questo lavoro che ha richiamato l’attenzione del Sindaco e lo ha spinto a offrirsi di ospitare una celebrazione in onore della comunità baha’i.

Come molte città in tutta Europa, Bruck an der Leitha — situata sul fiume Leitha vicino al confine con la Slovacchia — ha visto arrivare un crescente numero di rifugiati dalla Siria e altri paesi. La città di Bruck aveva accolto un piccolo numero di migranti fino al 2015, quando alcune morti tragiche di profughi in Austria hanno richiamato la sua attenzione sul problema. La comunità di Bruck è stata profondamente colpita e ha deciso di lavorare più alacremente per garantire un felice insediamento dei rifugiati.

La città ha formato un’organizzazione chiamata Unser Bruck Hilft! (La nostra Bruck aiuta!) per collaborare al reinsediamento dei rifugiati. Sapendo che la comunità baha’i aveva in precedenza aiutato un gruppo di profughi dalla Turchia a stabilirsi in città, l’organizzazione le ha chiesto aiuto. All’inizio, i baha’i hanno offerto un’assistenza pratica, ad esempio provvedendo alle cure mediche. Ma poi nel corso del tempo, hanno incominciato a collaborare con altri cittadini per offrire un programma per l’educazione dei giovani recentemente reinsediati.

Il rapporto tra il governo locale di Bruck e i baha’i si è intensificato nel corso degli anni grazie al lavoro comune. La decisione del sindaco di organizzare una celebrazione del duecentesimo anniversario della nascita di Baha’u’llah è stato un riconoscimento dei contributi offerti dai baha’i alla comunità locale.

La celebrazione, che ha avuto luogo nella sala del Municipio, era aperta a tutti gli abitanti di Bruck e delle zone circostanti. I festeggiamenti hanno previsto una serie di spettacoli musicali, tra cui un’originale composizione corale di parole di Baha’u’llah messe in musica. Una mostra che illustra i principali insegnamenti delle principali religioni del mondo ha evidenziato l’imperativo dell’unità.

Molti ospiti dell’evento hanno espresso il loro apprezzamento perché la celebrazione del bicentenario ha permesso a ogni membro della comunità di contribuire in qualche modo. Da una piccola performance della locale scuola di musica a presentazioni offerte da funzionari del governo alla preparazione di rinfreschi, molte persone hanno contribuito al successo dei festeggiamenti.

Dorothy Bayer della comunità baha’i, ha commentato, «La popolazione di Bruck non è venuta solo per godersi la festa del bicentenario; ha anche partecipato alla sua organizzazione. E di conseguenza, le persone si sono avvicinate l’una all’altra e hanno compreso meglio la necessità di lavorare per il miglioramento del mondo».

Per vedere le immagini e legge l’articolo in inglese online, si vada a: http://news.bahai.org/story/1195 .

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *