Commemorazione della cara Amica bahai Nezi Nazerian

Ieri sera, a casa di Pino e Antonella, è stata commemorata la cara Amica bahai Nezi Nazerian, da pochi giorni volata nel regno di Abhà.

Fu lei che 37 anni fa, raccolse la mia dichiarazione bahai e mi guidò nei miei primi passi nella Fede. Ultimamente mi telefonava e scriveva da Los Angeles, chiedendomi degli amici bahai mantovani, dei miei figli e della (rosea) situazione della fede nel Mantovano. E’ un appuntamento che mi mancherà, ma questa mia malinconia, sarà mitigata dal sapere che ora, potrà tornare a vedere “la sua Mantova”, tutte le volte che vorrà e, nel nostro cuore, l’accoglieremo sempre come l’amica mantovana un po’ mamma ed un po’ sorprendente nelle sue idee talvolta eccentriche ma, sempre certi, che la sua ospitalità, amore ed amicizia saranno sempre di prim’ordine, di quelle che non si dimenticano.

Eravamo una trentina di persone, con tanto di proiettore, per vedere foto che non avevo mai visto ma che fanno parte della storia di noi mantovani. Oltre a questo, non sono certo mancate le sorprese: quante cose che non sapevo di Nezi… eppure credevo di conoscerla! Si dichiarò nella lontana Persia (e dire che la credevo di famiglia bahai), quando io avevo iniziato le elementari. Lei era professoressa di filosofia (chi l’avrebbe mai detto?) ma lasciò subito il suo lavoro per andare pioniera bahai in Marocco. Vi rimase poco: fece quasi subito un viaggio in Spagna… che la portò dritto dritto in Italia, a Padova. A Mantova ci venne nel 1962 per vedere una mostra del Mantegna che tutt’ora, anch’io ricordo con nitidezza d’immagini e dolcezza nel rimembrare. Non se n’è più andata, anche se la storia dirà che è stata a Reggio Emilia, Brescia, Los Angeles e quant’altro… lei è sempre rimasta qui con noi.

La storia dirà anche che ha fatto parte della prima ASL di Mantova, quello che dobbiamo aggiungere noi è che se oggi siamo una delle comunità più forti dell’occidente, sicuramente lo dobbiamo anche a lei.

Grazie di tutto Nezi, vieni a trovarci quando vuoi: sarai sempre la benvenuta perchè qua, sarai sempre a casa tua. E se ti capita, dì pure una preghiera per noi, tuoi “bambini” (come chiamavi i miei figli, già maggiorenni da un po’). Uhmm… la foto con la comunità bahai di Mantova, firmata dai mantovani, ti era davvero stata spedita ma non si capisce come non ti sia mai arrivata. Ora, non ha più importanza.

Allàh’u’Abhà   Claudio Malvezzi

Un pensiero su “Commemorazione della cara Amica bahai Nezi Nazerian

  1. webmaster Autore articolo

    Postato dal webmaster a nome di Mary e Mauro

    Cari amici,

    Vi siamo vicini e abbracciamo simbolicamente insieme a voi i familiari di Nezi in questo momento triste, ma anche di gioia per la nuova tappa del viaggio spirituale di Nezi.

    Si puó dire che tutti gli amici di Mantova sono, siamo, suoi figli spirituali, nati anche grazie al lungo tempo dedicato da Nezi allo sviluppo della Fede nella nostra cittá. Forse nessun altro servizio puó essere paragonato al il suo, per durata e circostanze. É molto difficile poter immaginare il suo sacrificio, la solitudine e difficoltá affrontate in tanti anni vissuti quasi sempre da sola in una cultura diversa, con il suo appartamento sempre aperto a ricercatori, amici e insegnanti viaggianti, offrendo un esempio di ospitalitá, pazienza e umiltá da cui tutti possiamo apprendere.

    Mi scrisse alcuni anni fa, sempre molto interessata al progresso della Fede nel Mantovano, sempre giovane nello spirito e con idee e progetti di servizio, anche in etá avanzata.

    Certamente il suo spirito sosterrà , ora in una nuova dimensione, tutte le iniziative future nel mantovano. Forse un progetto speciale o campagna di insegnamento dedicato alla sua memoria potrá dare risultati inattesi e attrarre nuove anime alla Fede che ha animato Nezi a dare un servizio cosí costante e devoto.

    Ci uniamo alle vostre preghiere per Nezi, un abbraccio,

    Mauro e Mary Tartaglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *