Una celebrazione accompagna i partecipanti in un viaggio nella vita e negli insegnamenti di Bahá’u’lláh

KUALA LUMPUR, Malesia, 4 marzo 2018, (BWNS) –

Un passaggio della mostra

La comunità baha’i della Malesia ha accolto più di 300 ospiti per una mostra creativa sulla vita e sugli insegnamenti di Bahá’u’lláh. Svoltosi alla periferia di Kuala Lumpur il 24 e 25 febbraio 2018, l’evento ha commemorato il bicentenario della nascita di Bahá’u’lláh. Hanno partecipato vari deputati del Parlamento malese, l’Arcivescovo di Kuala Lumpur, altri capi religiosi e importanti membri di organizzazioni della società civile e di agenzie governative. 

Gli ospiti sono stati guidati attraverso una serie di zone tematiche seguendo la storia della Fede bahá’í ed esaminandone i principi centrali. La mostra si è ispirata al messaggio che la Casa Universale di Giustizia ha scritto nell’ottobre 2017 per il bicentenario. 

Datuk Lok Yim Pheng, una dei commissari della Commissione per i diritti umani della Malesia, ha detto che gli sforzi della comunità bahá’í per costruire comunità a livello di base sono espressioni tangibili del principio dell’unità del genere umano. 

Ha aggiunto che era la prima volta che vedeva il concetto dell’unità del genere umano presentato in un modo così profondo. 

Un altro commissario della Commissione per i diritti umani, Jerald Joseph, ha osservato che due «punti importanti emersi» dall’evento erano i principi baha’i della consultazione e dell’indagine indipendente della verità. 

«Una brillante filosofia nella religione», ha soggiunto. Ha poi proseguito dicendo che «la Fede baha’i invece di avere un approccio dogmatico e dottrinario verso la verità dà molta importanza alla ricerca». «Questo atteggiamento era evidente nel viaggio presentato nella mostra», ha detto il signor Joseph. 

Nelle due giornate della mostra le arti hanno avuto un ruolo di primo piano, in particolare nell’evidenziare il fatto che i principi spirituali hanno un’espressione pratica per il miglioramento sociale. In una delle esposizioni, due volontari hanno presentato una breve rappresentazione teatrale che spiegava come, quando ci sia armonia, le persone, le istituzioni e le comunità possano portare a profondi cambiamenti costruttivi. In un’altra, è stato mostrato una breve spezzone del film Luce al mondo, seguito da alcune osservazioni sul legame indissolubile tra la trasformazione individuale e quella sociale. 

La mostra ha suscitato profonde riflessioni da parte di molti ospiti. Un membro del Comitato esecutivo del Consiglio della gioventù della Malesia, Thai Ming Yeow ha sottolineato l’importanza di promuovere un terreno comune per il miglioramento del mondo. 

Molti degli oltre 300 ospiti hanno dichiarato di essere rimasti colpiti dall’approccio creativo della mostra e dall’importante ruolo svolto dai giovani nell’evento. 

«In Malesia, con persone di diversa estrazione, riteniamo che le arti siano un mezzo eccellente per legare i cuori e toccare le anime di tutte le culture e le etnie», ha detto Ho Yuet Mee, membro dell’Assemblea Spirituale baha’i della Malesia, commentando l’intraprendenza e la creatività degli organizzatori. 

«La mostra è stata una testimonianza del potere dell’unità proclamato da Bahá’u’lláh», ha spiegato Dylane Ho, una rappresentante della comunità baha’i della Malesia. «Molti hanno percepito la convinzione che l’unità del genere umano sia una realtà e non un semplice ideale non solo dalle presentazioni sulla vita di Bahá’u’lláh e sull’applicazione dei Suoi Insegnamenti, ma anche dall’atmosfera che si è creata durante l’evento. 

«Sono molti i cuori che sono stati uniti grazie alle forze sprigionate da questo bicentenario», ha soggiunto. 

Per leggere online l’articolo in inglese o visualizzare le foto, si vada a news.bahai.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.