Durante la Convenzione internazionale luci di speranza e senso di scopo

CENTRO MONDIALE BAHA’I, 1° maggio 2018, (BWNS) –

Delegati dell’Asia centrale, cantano una canzone

Gioia, concentrazione e un forte senso di scopo caratterizzano le consultazioni della XII Convenzione internazionale baha’i. 

In una straordinaria esibizione di unità nella diversità, i delegati provenienti da tutto il mondo hanno descritto gli sviluppi delle loro comunità baha’i e parlato di esperienze che stanno offrendo preziose lezioni sulla trasformazione sociale e sulla costruzione della comunità. 

«Sappiamo per certo che le forze spirituali ci assistono nel nostro lavoro», ha detto Sophie Menard, una delegata proveniente dalla Francia. «Ma noi dobbiamo mostrare un alto livello di devozione, sacrificio ed eroismo». 

«Vediamo che il nostro mondo sta cambiando», ha detto Dorothy Whyte, una delegata proveniente dalla Giamaica. «Lo vediamo in questa Convenzione internazionale. Possiamo prendere quello di cui stiamo parlando qui, andare a casa e portarlo in tutto il mondo».  

«L’umanità sta attraversando due processi molto chiari, disintegrazione e integrazione», ha detto Plinio Lacayo, un delegato costaricano. «Il processo della disintegrazione sta avanzando rapidamente e l’umanità sta soffrendo. Ma per questo, sappiamo di dover lavorare con maggior impegno. Dobbiamo essere più intensi, più attivi e più costanti».  

«Io vivo nella piccola isola di Yap», ha detto Sophia Laiyolap, una delegata proveniente dalle Isole Caroline, parlando alla Convenzione. «Solo sei anni fa, la maggior parte delle persone dell’isola, me compresa, non erano a conoscenza della persona di Baha’u’llah. Oggi, le persone legate ai Suoi insegnamenti e da essi ispirate sono più di mille».  

«Tale è il potere degli insegnamenti di Baha’u’llah che la loro luce può illuminare anche territori nel bel mezzo dell’oceano», ha detto Ana Sancho, una delegata proveniente dalle Isole Canarie.  

La convenzione si concluderà domani. Dopo ulteriori consultazioni, i delegati celebreranno il dodicesimo giorno di Ridvan, l’ultimo dei giorni santi che commemora un periodo di dodici giorni durante i quali Baha’u’llah ha proclamato, 155 anni fa, il Suo messaggio divino a un manipolo di compagni che erano in esilio con Lui in Iraq.  

Per leggere online l’articolo in inglese e vedere le foto, si vada a news.bahai.org. 

Per leggere servizi stampa sulla XII Convenzione internazionale baha’i, si visiti news.bahai.org/2018convention

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *