Nelle isole Mentawai miglioramenti in campo educativo

TUAPEIJAT, Indonesia, 4 luglio 2018, (BWNS) –

La Fede baha’i è arrivata nelle isole Mentawai, un gruppo di settanta isole al largo delle coste dell’Indonesia, negli anni 1950. Molte comunità di queste isole hanno abbracciato gli insegnamenti di Baha’u’llah, ad esempio l’essenziale nobiltà dell’essere umano, l’unità del genere umano e l’importanza dell’educazione per l’esplicazione delle vaste potenzialità latenti nella mente e nell’anima degli esseri umani. 

Negli anni successivi, la facilitazione dell’accesso all’educazione è diventata una priorità. Nei villaggi di tutte le isole sono state aperte scuole, accessibili a tutti i bambini. Nel 1963, durante il primo Congresso mondiale baha’i che si è tenuto a Londra, un giovane mentawaiano ha parlato a un pubblico di oltre seimila persone provenienti da una quarantina nazioni. Il giovane, che aveva partecipato a programmi educativi offerti dalla comunità baha’i, ha illustrato gli sviluppi occorsi nella sua patria. 

Nei decenni successivi i baha’i dell’Indonesia hanno dovuto affrontare molte sfide fino al 2014, quando il Ministero della religione ha riconosciuto la loro Fede come religione indipendente. Eppure durante tutto quel periodo, la comunità baha’i indonesiana ha gradualmente contribuito al processo educativo in tutte le isole. 

Per commemorare il bicentenario della nascita di Baha’u’llah, la comunità baha’i indonesiana ha organizzato, insieme con un’organizzazione mentawaiana di ispirazione baha’i, un convegno sull’importanza dell’educazione spirituale per la costruzione di comunità pacifiche e fiorenti. L’evento ha avuto luogo in Tuapeijat il 16 aprile. 

L’organizzazione non governativa, che si chiama Yayasan Bhinneka Tunggal Ika (YBTI), che significa Fondazione per l’unità nella diversità, promuove l’apertura di scuole di proprietà locale e che operano localmente nelle comunità isolate che compongono le isole Mentawai e offre formazione professionale per gli insegnanti. 

«Se ci guardiamo attorno, vediamo molti conflitti economici, politici e sociali», ha detto il signor Nikanor Saguruk, vice capo del Parlamento locale, nel suo discorso di apertura durante il seminario. «Ma oggi siamo molto grati all’YBTI per l’opportunità che ci ha offerto di discutere in questo seminario su come l’educazione possa aiutarci a costruire l’unità, la tolleranza e l’unità – gli elementi fondamentali per la prosperità delle nazioni». 

Al convegno hanno partecipato numerosi funzionari governativi, tra cui il dottor Muharram Marzuki, capo del Centro per la ricerca e lo sviluppo del Ministero della religione dell’Indonesia. Hanno partecipato anche vari insegnanti provenienti da cinque scuole aperte dall’YBTI che hanno eseguito una danza tradizionale mentawaiana in apertura del convegno. 

Nel suo discorso durante il convegno, la signora Seminar Siritoitet, rappresentante del reggente del distretto delle isole Mentawai, ha ricordato la trascorsa penuria di scuole accessibili ai bambini mentawaiana e gli sforzi che la comunità baha’i delle isole ha compiuto negli ultimi decenni per migliorare la situazione educativa in collaborazione con altri. 

Anche il pastore Panulis Saguntung, nel suo intervento, ha richiamato alla memoria questa storia di vecchia data. Fra i suoi ricordi d’infanzia ha ricordato di aver frequentato negli anni 1960 una scuola di un remoto villaggio mentawaiano che era gestita da due insegnanti, uno cristiano e l’altro baha’i. Gli insegnanti, ha spiegato, lavoravano insieme e davano lezione nella chiesa del villaggio, poiché non c’era nessun edificio scolastico. 

Uno dei membri del direttivo dell’YBTI, il dottor Manoochehr Tahmasebian, ha spiegato in una presentazione che l’approccio dell’organizzazione all’istruzione e alla costruzione di unità si ispira a principi tratti dagli insegnamenti di Baha’u’llah. Fondamentale tra questi, ha dichiarato, è l’importanza dell’educazione spirituale che incoraggia lo sviluppo delle qualità necessarie per costruire la pace e l’armonia sociale. L’obiettivo di questa educazione non è quello fornire un’educazione religiosa o di convertire gli studenti a una particolare fede. L’YBTI si propone di assistere i giovani delle più svariate provenienze a imparare a promuovere l’unità nella diversità e a contribuire al progresso della loro società. 

Le attività dell’YBTI fanno parte di un più ampio, ma ancora iniziale, impegno dei baha’i delle isole Mentawai di contribuire a promuovere l’educazione. I baha’i del luogo continuano ad ampliare e rafforzare un processo educativo che aiuta le persone a costruire la capacità di porsi al servizio delle proprie comunità, ad esempio offrendo ai bambini e ai giovani opportunità di educazione morale e spirituale. 

Nel frattempo, le scuole dell’YBTI si stanno attualmente concentrando sul rafforzamento di vari aspetti del loro funzionamento come la qualità della formazione accademica e morale, ha spiegato il dottor Tahmasebian. Esse stanno anche imparando ad aiutare la comunità a sentirsi sempre più proprietaria delle scuole. Lo fanno mediante periodiche visite degli insegnanti ai genitori per conversare sui progressi dei loro figli. Le scuole mirano anche a fornire ai genitori spazi nei quali possano studiare e discutere i concetti relativi all’educazione per contribuire a rafforzare il lavoro per lo sviluppo delle capacità intellettuali e spirituali delle ultime generazioni svolto in aula dagli ibsegnanti. 

Per leggere online l’articolo in inglese e vedere le foto, si vada a news.bahai.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.