Inaugurato il Tempio colombiano in una gioiosa cerimonia

AGUA AZUL, Colombia, 23 luglio 2018, (BWNS) – Domenica all’alba oltre mille persone si sono riunite per celebrare lo storico momento in cui la prima Casa di culto baha’i della Colombia ha aperto le porte le porte a tutti.  

Mentre i partecipanti, riuniti all’ombra del Tempio, aspettavano di visitare l’interno dell’edificio centrale, uno spirito di gioia e di ansiosa attesa aleggiava nell’aria. L’apertura del Tempio segna un nuovo stadio nello sviluppo della Fede baha’i in Norte del Cauca, dove la Fede ha messo radici da più di quattro decenni. 

«Sapere che ora abbiamo una Casa di culto qui da noi ci riempie di grande gioia», ha detto Carmen Rodriguez, che abita nella vicina città di Villa Rica, riflettendo sul significato del momento.  

Le corriere sono arrivate poco dopo l’alba e le persone sono affluite sotto una grande tenda dove si è svolta la cerimonia. Dopo i discorsi di apertura, i partecipanti si sono recati nell’edificio centrale per pregare.  

«Credo che la Casa di culto sia un luogo molto importante non solo per Norte del Cauca, ma anche per l’intera regione», ha detto Hender Martínez, che è venuto dalla vicina città di Santander de Quilichao. «All’interno del Tempio si respira un’atmosfera assolutamente unica, pervasa di tranquillità e di pace». 

Molti dei convenuti hanno partecipato alle prime discussioni sul progetto del Tempio nei mesi successivi al suo annuncio nel 2012 da parte della Casa Universale di Giustizia. «Ero presente in quei primi incontri nei quali la comunità ha parlato della costruzione della Casa di culto. Tutti hanno potuto contribuire al progetto con idee e concetti. Ora, ne possiamo vedere il risultato», ha detto Carlos Ever Mesur che abita nel vicino villaggio di Mingo. 

Durante la cerimonia di apertura sono intervenuti il rappresentante della Casa Universale di Giustizia, signora Carmen Elisa de Sadeghian, dignitari locali e l’architetto del Tempio. La signora de Sadeghian ha letto una lettera della Casa di Giustizia indirizzata ai partecipanti. Questa Casa di culto «si erge ora come un simbolo della bellezza insita nel nobile popolo di questa regione e il suo progetto rievoca la generosità della loro terra», afferma la lettera, datata 22 luglio 2018. 

«Questo storico momento non segna la fine di un processo», ha detto il signor Gustavo Correa, ex membro della Casa Universale di Giustizia nel suo discorso durante la cerimonia di apertura. «È un passo molto significativo in un’impresa che si propone di portare prosperità materiale e spirituale in un’intera regione».  

La signora Jenny Nair Gómez, sindaco di Villa Rica, ha ricordato nel suo edificante discorso la prima volta in cui il suo ufficio è stato contattato per esaminare l’idea di una Casa di culto. «Siamo molto onorati di avere questa Casa di culto a Norte del Cauca», ha detto. Oltre alla signora altri quattro sindaci hanno partecipato all’evento. 

Nel suo discorso sulla storia della Fede nella regione, l’ex membro della Casa Universale di Giustizia dottor Farzam Arbab ha detto: «Mentre oggi riflettiamo dopo quasi mezzo secolo di continuo progresso, ci vengono in mente alcune parole che caratterizzano i popoli della regione e le loro aspirazioni: l’enorme ricettività spirituale, la forte percezione spirituale, il sincero rispetto per le conquiste intellettuali, l’immensa capacità di gioire e nel contempo di soffrire, la gentilezza e la generosità del cuore senza chiedere nulla in cambio, l’indomita determinazione e una brillantezza di spirito che i venti dell’oppressione non possono offuscare». 

Musiche e balli tradizionali hanno avuto un posto centrale nella cerimonia di apertura e hanno dato il la allo spirito della manifestazione. 

«La Casa di culto: un emblema della nostra storia, un simbolo di progresso per l’intera regione», ha cantato un gruppo musicale mentre i ballerini danzavano. Il pezzo, intitolato “L’anima di Norte del Cauca”, parla dell’arrivo della Fede baha’i nella regione e dell’espressione degli insegnamenti di Baha’u’llah nelle speranze e nelle aspirazioni del popolo. Il gruppo ha anche eseguito una canzone intitolata “La cumbia del jardinero [la cumbia (una danza colombiana) del giardiniere]”.  

Dopo il programma di apertura, la signora de Sadeghian ha condotto il primo dei cinque gruppi all’interno della Casa di culto per un programma devozionale. Il programma consisteva di preghiere e citazioni dagli scritti baha’i, alcune cantate da un coro. Il gruppo si è poi trattenuto nel Tempio per un periodo di preghiera silenziosa prima di cedere il posto al successivo gruppo di partecipanti per un analogo programma. 

L’evento di domenica dà inizio a un mese di manifestazioni inaugurali. Ci si aspetta che 1500 persone partecipino a uno speciale programma chiamato “La mia prima visita alla Casa di culto baha’i” che prevede visite settimanali al Tempio. Il programma sarà molto simile a quello della cerimonia inaugurale di domenica e permetterà a molte più persone di partecipare alla storica inaugurazione del Tempio.  

L’inaugurazione della Casa di culto in Colombia segue l’apertura di un Tempio locale in Cambogia nel mese di settembre e precede l’apertura di altre cinque Case di culto baha’i. Nei prossimi anni è prevista l’inaugurazione di altri Templi in India, nel Kenya, a Vanuatu, nella Repubblica Democratica del Congo e nella Papua Nuova Guinea.  

Per leggere l’articolo in inglese online o vedere le foto, si vada a  news.bahai.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.