Premio Zamenhof: “le voci della pace”

_____________________________________________

Ancona, 18 nov. – (Adnkronos) – Shel Shapiro, i coniugi bahai Ahmad e Hayede Parsa e il filosofo Roberto Mancini sono i vincitori dell’ottava edizione del premio ‘Zamenhof-Le voci della pace’, assegnato dalla Federazione esperantista italiana e che sara’ consegnato il 20 novembre, alle 21, nel teatro Sperimentale di Ancona.

L’attualita’ e l’emergenza Africa, non solo alimentare, ma sanitaria ed educativa, sono state, si legge in una nota, a guidare le scelte della giuria della Fei, che ha scelto i coniugi Parsa perche’ ”ispirandosi alla religione bahai, si sono trasferiti in Africa dedicando la loro vita all’educazione dei bambini ed alla formazione degli insegnanti secondo i valori dell’unita’ nella diversita’, a partire dalle diversita’ religiose e razziali”.

Al professor Roberto Mancini, presidente del corso di laurea in Filosofia dell’Universita’ di Macerata, il premio e’ assegnato perche’ ”con serieta’ e rigore ispira la sua attivita’ scientifica ed i suoi scritti ad un’autentica cultura di pace fondata sulla solidarieta’ e la difesa dei diritti umani”. A Shel Shapiro, va il riconoscimento perche’ ”l’impegno nello spettacolo, dopo i Rokes ininterrotta la sua attivita’ di autore musicale, attore di cinema, si accompagna a quello generoso e solidale per sostenere iniziative umanitarie in campo sociale ed educativo in Africa e in Asia”.

______________________________________________

 

Il premio è già stato felicemente consegnato, a dispetto delle incredibili quanto avventurose vicissitudini di viaggio, degli Amici Hayede ed Ahmad Parsa.

Ad Hayede ed Ahmad Parsa, vadano le nostre più sentite congratulazioni e tutta la nostra amorevole riconoscenza.

Per la comunità bahai di Bigarello, il webmaster

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *