L’11 aprile la prossima udienza del processo dei dirigenti baha’i in Iran

L’11 aprile la prossima udienza del processo dei dirigenti baha’i GINEVRA, 19 febbraio (BWNS) – La Baha’i International Community ha saputo che la data della terza udienza del processo dei sette dirigenti baha’i detenuti in Iran è stata fissata per l’11 aprile.

Secondo informazioni comunicate verbalmente ai loro avvocati, il processo, che ha avuto inizio il 12 gennaio dopo che i sette imputati erano rimasti per 20 mesi nella prigione Evin di Teheran, riprenderà domenica 11 aprile.

Notiziari diramati da mezzi di comunicazione sponsorizzati dal governo hanno detto che durante la prima udienza i sette sono stati accusati di spionaggio, attività di propaganda contro l’ordine islamico, formazione di amministrazione illegale, collaborazione con Israele mediante l’invio all’estero di documenti segreti, azioni contro la sicurezza del paese e corruzione sulla terra.

Gli imputati hanno categoricamente respinto tutte le accuse.

La seconda udienza, il 7 febbraio, si è essenzialmente occupata di questioni procedurali.

I sette imputati sono la signora Fariba Kamalabadi, il signor Jamaloddin Khanjani, il signor Afif Naeimi, il signor Saeid Rezaie, la signora Mahvash Sabet, il signor Behrouz Tavakkoli e il signor Vahid Tizfahm. Avevano il compito di provvedere ai bisogni spirituali e sociali dei trecentomila baha’i in Iran, dopo che le istituzioni formali baha’i erano state sciolte nel 1983.

I lavori del processo coincidono con ulteriori arresti di baha’i a Teheran. Il 3 gennaio sono state fermate 13 persone, 10 delle quali sono ancora in carcere, e altre tredici sono state arrestate la scorsa settimana, 11 delle quali sono ancora in stato di fermo.

In questo momento nelle prigioni della varie città dell’Iran ci sono oltre 60 baha’i.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *