Un articolo di “Le Monde” sulle persecuzioni bahai in Iran

L’Iran continua la sua persecuzione contro la comunità baha’i

di Foad Saberan

 

Parigi 28-05-2010

Sul piano teologico, la fede baha’i è vissuta dal clero sciita come un’enorme sfida. Tutto sembra negoziabile tranne il riconoscimento dell’esistenza di una religione rivelata dopo l’Islam.
I baha’i, oltre agli insegnamenti mistici, propongono all’umanità un progetto sociale, qualificato di volta in volta dai loro detrattori come rivoluzionario oppure occidentale, o entrambi, in quanto innovatore e progressista.
Questo spiega perché, a partire dagli anni 1930, dopo la distruzione delle comunità baha’i dell’URSS, gli iraniani stalinisti si sono alleati al clero sciita e ai nazionalisti estremisti per colpire la comunità baha’i e soffocarla.
Per il clero sciita l’esistenza di una rivelazione dopo l’Islam è inaccettabile come per i dirigenti del partito stalinista era intollerabile che una religione avesse il progetto di una società moderna e progressista.
I successivi eccidi di cui i baha’i iraniani sono stati vittime nel XIX secolo non erano ancora giustificati dal pretesto della collaborazione con Israele. Le accuse di eresia, di collusione con lo Zar o con la Regina d’Inghilterra, a seconda dell’umore del mullah che firmava la fatwa, bastavano a far massacrare intere famiglie. Oggi in Iran i baha’i sono maltrattati per quello che sono e per quello che fanno. I baha’i osservanti, come nel resto del mondo, organizzano riunioni di preghiere interreligiose, sono presenti nei quartieri in
difficoltà, offrono corsi di alfabetizzazione, di igiene, di cucito, organizzano progetti artistici, mettono in atto microcrediti.
I 350.000 baha’i dell’Iran, provenienti da tutti gli strati della società, da tutte le etnie e da tutte le religioni del paese, fanno affidamento sui baha’i del resto del mondo che non sono iraniani, ma vivono in sintonia con i loro correligionari nella culla della loro fede. In altre parole, la fede baha’i prospera sui cinque continenti, fuorché in Iran. Tuttavia, oggi in Iran, grazie all’azione delle organizzazioni in difesa dei diritti umani (gli stessi che organizzano la giornata mondiale per la difesa delle libertà il 12 giugno), ma anche grazie alla semplice solidarietà degli Iraniani davanti all’ingiustizia, l’odio della Repubblica Islamica contro i baha’i si scontra con una resistenza attiva di numerosi iraniani che, sempre più apertamente e sempre più frequentemente, aiutano i loro compatrioti baha’i stretti nella morsa della repressione.

 Il dottor Foad Faberan, nato a Teheran, è psichiatra a Parigi.

L’articolo originale su “Le Monde

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *