Sessione Consiglio delle NU per i diritti umani

SETTIMA SESSIONE DEL CONSIGLIO DELLE NAZIONI UNITE PER I DIRITTI UMANI A GINEVRA.

Si è conclusa a Ginevra, venerdì 28 marzo 2008, la settima sessione del Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani. Nel corso dei lavori sono state affrontate varie tematiche come: il razzismo, la xenofobia, le discriminazioni religiose, la questione Palestinese e l’intolleranza. L’Alto commissario per i diritti umani, Louise Arbour ha messo in evidenza che “i progressi tecnologici e la maggiore ricchezza delle nazioni, di cui beneficiano solo pochi Stati nazionali, tradiscono gli ideali di uguaglianza espressi nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani di cui ricorre, quest’anno, il sessantesimo anniversario della sua adozione.

Alla settima sessione del Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani ha portato la sua voce la Comunità Internazionale Bahá’í: seriamente preoccupata per il deterioramento della situazione dei diritti umani in Iran. Le autorità della Repubblica islamica hanno avviato, infatti, un forte “giro di vite” su quanti esprimono opinioni e convinzioni, diverse da quelle del regime. I più colpiti, da questo stato generale di cose sono: le donne, i rappresentanti sindacali, gli studenti, i giornalisti ed ovviamente i Bahá’í..

A Ginevra la settima sessione del Consiglio dei Diritti Umani. Presenza del Governo italiano.

LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI: TRA APPUNTAMENTI E ANNIVERSARI.

Il ruolo della Comunità Bahá’í nella stesura della Carta internazionale sulla dignità umana.

Il Sottosegretario agli Affari Esteri, Gianni Vernetti ha preso parte – mercoledì 5 marzo 2008 – al Segmento di Alto Livello della settima sessione del Consiglio dei Diritti Umani, in svolgimento a Ginevra.

L’esponente del Governo italiano ha incontrato la Vice Alto Commissario per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, signora Kyung-wha Kang ed i rappresentanti di alcune delle Organizzazioni Non Governative più attive nel settore dei diritti umani.

Rammentiamo che c’è anche la Comunità Bahá’í nella genesi della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, di cui si celebra quest’anno il sessantesimo anniversario della sua adozione, a livello internazionale, da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Tale atto costitutivo avvenne il 10 dicembre del 1948. Il documento, in questione (che sancisce i diritti d’ogni persona) è il frutto del lavoro della Commissione dei diritti umani, istituita dal Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC) sin dal febbraio/giugno del 1946

La Commissione dei diritti umani si riunì per la prima volta nel 1947: con il precipuo intento di redigere una bozza della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

In occasione di questa prima sessione, la Comunità Bahá’í portò il suo contributo, presentando un documento sugli obblighi internazionali connessi al rispetto dei diritti umani.

Insieme con la Comunità Bahá’í ed altre, analoghe, organizzazioni religiose, parteciparono al concepimento della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, 58 Stati nazionali:

20 dell’America Latina, 4 dell’Africa e 14 dell’Asia. E con essi anche la totalità dei Paesi europei.  

Nel volume “Il secolo di luce” (a cura del Centro Mondiale Bahá’í) si rammenta che l’adozione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani fu il frutto “di un gruppo di uomini e donne, devoti e preveggenti” che agirono “sotto l’ispirata guida di personaggi come Eleanor Roosevelt”.

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani è composta da un preambolo e da 30 articoli che sanciscono i diritti individuali, civili, politici, economici, sociali, culturali di ogni persona. Essa fa parte dei documenti di base delle Nazioni Unite, ma non è giuridicamente vincolante per gli Stati membri dell’organizzazione.

La Commissione dei diritti umani si compone di 53 membri: rappresentanti di altrettanti Governi, che vi siedono a rotazione.

Essa è un organo sussidiario del Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite

Il mandato della Commissione consiste nel presentare: proposte, raccomandazioni e rapporti, all’ECOSOC, su ogni materia concernente i diritti umani, in particolare sulla codificazione internazionale di questa materia. La Commissione si riunisce una volta all’anno, a Ginevra, per sei settimane.

Nell’incontro di Ginevra è stata denunciata la pericolosità della situazione che si registra in Iran: dove si susseguono gli arresti, gli interrogatori e le intimidazioni nei confronti dei Bahá’í. Alcuni bambini sono stati umiliati in classe se non addirittura espulsi dalle scuole locali. Oltre a queste forme di persecuzione ufficiale, si sta anche assistendo, in Iran, ad un forte aumento delle violenze, degli attacchi e delle minacce perpetrare – a danno dei Bahá’í – da parte di milizie fanatiche, agenti in abiti borghesi. Questi attacchi sono chiaramente negati da parte delle autorità governative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *