Quasi giunti al termine i lavori del Tempio della Colombia, un sacro simbolo ne adorna la cupola

AGUA AZUL, Colombia, 23 giugno 2018, (BWNS) – Venerdì scorso, il sacro simbolo baha’i noto come il Più Grande Nome è stato sistemato in cima alla cupola all’interno della Casa di culto baha’i locale in Agua Azul, Colombia. 

Un piccolo incontro, fra cui molti rappresentanti della comunità baha’i, hanno assistito a questo significativo momento, che segna il completamento della seconda Casa di culto baha’i locale del mondo. Dopo la recitazione di alcune preghiere, il simbolo del Più Grande Nome in teak intagliato è stato sollevato fino a quasi 15 metri e sistemato in cima alla cupola all’interno del Tempio.

Il Più Grande Nome è una rappresentazione calligrafica dell’invocazione «O Gloria del Gloriosissimo». Una sua riproduzione si trova in ogni Tempio baha’i. Situato nel punto più alto del Tempio alto 18 metri, esso rappresenta un fiore di cacao, un simbolo molto noto in Colombia.

 

Nelle prossime settimane, uno scrigno ornamentale d’argento, pieno di polvere proveniente dal sancta sanctorum del Mausoleo del Bab, verrà collocato all’interno del Tempio. Inoltre, un tappeto che si trovava nel Mausoleo, sarà messo in mostra nella reception. Questi atti sottolineeranno il profondo legame tra questa Casa di culto locale e il centro spirituale della Fede baha’i.  

Questo Tempio è una delle cinque Case di culto baha’i locali la cui costruzione è stata annunciata dalla Casa Universale di Giustizia nel 2012. Esso sarà aperto al pubblico il mese prossimo dopo la cerimonia di inaugurazione.  

Per leggere l’articolo in inglese online e vedere le foto, si vada a news.bahai.org

Cari amici,

a nome del Direttivo dell’Associazioni per gli studi bahá’í vi mando l’invito al prossimo convegno che avrà luogo a Rimini (Miramare), Hotel  Touring, il 22 e 23 settembre p.v. Le modalità per le prenotazioni saranno inviate in un prossimo messaggio. Vi aspettiamo numerosi.

Con affetto

Julio Savi

Per il Direttivo dell’Associazione

22-23 settembre 2018

Hotel Touring – Miramare di Rimini 

Ispirazione e azione

Una via spirituale verso l’impegno sociale 

 

Nell’anno del bicentenario della Nascita di Bahá’u’lláh il Direttivo dell’Associazione italiana per gli studi bahá’í “Alessandro Bausani” è lieta di invitarvi al XV Convegno annuale che avrà come tema centrale la necessità dell’uomo di trovare un nutrimento spirituale che possa orientare e motivare le sue azioni.

Il Direttivo si prefigge di offrire tramite relazioni e conversazioni nuovi punti di vista, proponendo diverse voci a confronto, affinché i partecipanti possano trovare spunti di riflessione.

La presenza della poesia è un tratto distintivo dei Convegni dell’Associazione studi bahá’í e quest’anno saranno presentate alcune poesie inedite di Bahá’u’lláh, tradotte in italiano.

Una sessione speciale sarà dedicata al noto studioso bahá’í, Alessandro Bausani, nel trentennale della morte.

Sabato 22 settembre 10.00

Ispirazione e azione nelle poesie di Bahá’u’lláh

Julio Savi e Faezeh Mardani

Le fonti dell’ispirazione: un’entusiasmante ricerca

Iscander Tinto e May Bulletti

Dalla ricerca all’azione: il desiderio di servire gli altri

Giansecondo Mazzoli

Paesaggi e piadina: una gita

Domenica 23 settembre – 9.00-13.00

Il continuo progresso dell’umanità: due punti di vista

Luciano Mazzoni e Riccardo Ceccherini

Alessandro Bausani e la sua eredità 

Direttivo dell’Associazione

Assemblea dei soci – Una condivisione partecipativa

Info: maybulletti@gmail.com

Come imparare a promuovere l’educazione: l’esperienza della Fondazione Ahdieh

BANGUI, REPUBLICA CENTRAFICANA, 20 giugno 2018, (BWNS) –

Nella Repubblica Centrafricana un’organizzazione di ispirazione baha’i sta imparando a favorire la nascita di scuole dal basso, sostenute dalle comunità locali. 

La Fondazione Ahdieh promuove la creazione di scuole comunitarie, fornendo a queste iniziative comunitarie la formazione degli insegnanti e sostegno di altro genere. 

L’esperienza della Fondazione mette in luce una capacità e un’iniziativa del popolo della Repubblica Centrafricana, che è in contrasto con l’instabilità politica e la violenza settaria che sono le principali caratteristiche dell’immagine globale del paese. 

«La Fondazione Ahdieh fa parte di una rete di organizzazioni di ispirazione baha’i in Africa che cercano di vedere come promuovere l’educazione alla base e come costruire nelle comunità la capacità di farsi carico dell’educazione delle nuove generazioni», spiega Nakhjavan Tanyi, il coordinatore del programma continentale di questa rete. 

Come altre organizzazioni di ispirazione baha’i, la Fondazione Ahdieh considera il proprio lavoro un processo di apprendimento su come utilizzare gli insegnamenti baha’i e le conoscenze accumulate in vari campi dell’attività umana per far progredire la società. 

«Il lavoro di molte organizzazioni di ispirazione baha’i si concentra specificamente sul livello comunitario. La prospettiva a lungo termine è quella di aiutare una comunità ad affrontare tutte le dimensioni del proprio sviluppo. Di solito si incomincia da una piccola iniziativa o da una dimensione particolare, in questo caso la formazione», dice il signor Tanyi. 

Da quando è nata nel 2003 la Fondazione Ahdieh sta scoprendo nuove idee sul ruolo dell’insegnante, dei genitori e della scuola in una comunità. Queste idee e alcuni principi tratti dagli scritti baha’i modellano il modo in cui si imposta la formazione degli insegnanti, il modo in cui gli insegnanti sono accompagnati e il modo in cui ciascuna scuola funziona in relazione alla comunità. 

«Molte comunità pensavano che solo gli insegnanti sanno come si educano i bambini e che un genitore deve solo portare il figlio a scuola, lasciare che gli insegnanti gli trasmettano il proprio sapere e non fare niente altro», dice il signor Judicaël Mokole, che lavora per la Fondazione Ahdieh. 

«Le scuole comunitarie stanno modificando questa idea», prosegue. «I genitori e i membri della comunità stanno incominciando a vedere la scuola come un’entità grazie alla quale essi possono pensare e riflettere e contribuire all’educazione dei loro figli». 

L’impostazione adottata dalla Fondazione Ahdieh nei confronti delle scuole sembra essere molto importante per la promozione di questo sentimento di appartenenza. 

«L’organizzazione dà inizio a una conversazione con le comunità su ciò che esse possono fare per essere in grado di educare i propri figli», dice il signor Tanyi. «Là dove i membri di una comunità e i suoi capi si dimostrano disposti a partecipare a questa iniziativa, viene introdotta l’idea che essi sono in grado di avviare una scuola che poi crescerà organicamente nel corso del tempo a partire da una scuola materna. Quindi, se in quella comunità sono disponibili le risorse umane e se c’è la volontà di proseguire, quella scuola può crescere e aggiungere una classe ogni anno». 

«È meglio partire dalla cosa più semplice e poi nel corso del tempo costruire la capacità di fare cose più complesse», spiega il signor Tanyi.  

Gli insegnanti, aggiunge, sono identificati dalla comunità stessa. 

«L’idea è di non avere persone che vengono da fuori, ma di usare qualcuno all’interno della comunità, che conosca la comunità, che abbia familiarità con la sua gente, che ne conosca la realtà», spiega il signor Tanyi. «Quello che vediamo in questa persona che si dedica all’insegnamento non è solo un insegnante il cui lavoro è limitato a guidare una classe, ma una persona che possa diventare un agente di cambiamento della comunità». 

Avvalersi delle capacità latenti della comunità permette alle scuole di operare in una regione che vive un conflitto civile in corso sin dal 2012. 

«Queste scuole comunitarie sono state le uniche che hanno continuato a funzionare in molte parti del paese durante i disordini civili», afferma il signor Mokole. «Questo è accaduto in parte perché i loro insegnanti erano persone del luogo. La comunità che servivano era quella in cui abitavano. Non avevano nessun luogo in cui fuggire all’arrivo dei ribelli». 

«Il contenuto della formazione dell’insegnante li aiuta a concepire il lavoro come un servizio, e non un’attività che svolgono per ricavarne dei soldi. Fanno gli insegnanti, perché sono motivati dal desiderio di preparare le giovani generazioni per il futuro», prosegue. 

Gli insegnanti ricevono un piccolo stipendio, finanziato dai genitori e dai membri della comunità, per il materiale scolastico e per le spese personali, spiega il signor Mokole. «E sarà sempre così. La nostra esperienza è stata che se l’insegnante ha un salario proveniente dall’esterno ed è pagato in quel modo, nella comunità va perduto qualcosa, c’è qualcosa che non va e la scuola comunitaria lentamente si disgrega», aggiunge.  

Allo stesso modo, il signor Mokole dice che quando l’iniziativa e le risorse provengono principalmente dall’esterno, o quando l’obiettivo è solo l’offerta di un edificio per la scuola, alle comunità manca il senso di responsabilità e di investimento nella scuola. 

«Non è raro vedere scuole costruite da organizzazioni esterne utilizzate come ovili per pecore e capre, o le scrivanie e le sedie di questi edifici usate dalla gente per cucinare. Da questo si può vedere quanto sia importante che il processo parta dall’interno della comunità, dagli abitanti stessi», afferma il signor Mokole. 

I membri della comunità mostrano un grande amore per le semplici strutture che essi stessi hanno costruito con le proprie mani per le loro scuole, utilizzando materiali come paglia, fango o legno, aggiunge il signor Mokole. 

Di tanto in tanto, quando le scuole crescono, possono presentarsi esigenze per le quali le risorse disponibili nella comunità non sono sufficienti, dice il signor Tanyi. «A volte occorrono fondi provenienti dall’esterno. Ma cerchiamo di riflettere molto attentamente a quale punto lo facciamo. Cerchiamo di aspettare fino al momento in cui la comunità si è veramente appropriata del progetto», osserva. 

«Non intendiamo dire che questa è la soluzione della formazione alla base», chiarisce il signor Tanyi, «ma siamo molto fiduciosi che questa impostazione possa aiutarci a pensare a come trovare nella comunità alcune persone che possano essere protagoniste del cambiamento e mettersi alla testa dei processi di sviluppo nella propria comunità». 

Allo stato attuale, 150 persone che hanno partecipato al programma di formazione della Fondazione Ahdieh stanno insegnando a quasi 4000 studenti in quaranta scuole comunitarie, dieci delle quali offrono un ciclo primario completo, dalla scuola materna al sesto grado. 

Per leggere online l’articolo in inglese e vedere le foto, si vada a news.bahai.org

Schiere di studenti universitari ispirati ad agire

CENTRO MONDIALE BAHA’I, 14 giugno 2018, (BWNS) –

Decine di studenti universitari nel sud della Florida negli Stati Uniti hanno recentemente trascorso due settimane, le prime settimane delle loro vacanze estive, in quello che potrebbe essere considerato un modo insolito. Si sono intensamente concentrati sullo studio della trasformazione sociale consultandosi su questo tema. Hanno pensato alla parte, personale e collettiva, che potevano avere nella nascita di una civiltà pacifica e globale. 

Nei prossimi sei mesi, analoghi gruppi si riuniranno in molte regioni del mondo. Migliaia di studenti universitari, nel nord, centro e sud America, in Europa, in Asia, in Africa e in Australasia, si riuniranno in incontri di apprendimento intensivo simili a questo. Lo faranno senza i tradizionali incentivi di titoli di studio, certificati o diplomi o aperture verso un lavoro. 

«Si fa un gran parlare del fatto che i giovani hanno la capacità e la voglia di realizzare cambiamenti. Questi incontri ci permettono di avere un’idea concreta di quello che essi sono capaci di fare e di toccare con mano la loro spinta ideale verso la trasformazione della società. Ci consentono di avere un’idea del fatto che, se hanno l’opportunità di partecipare a un programma educativo che li aiuti a prendersi cura della loro crescita intellettuale e spirituale e a sviluppare la loro capacità di contribuire alla trasformazione della società, i giovani possono diventare una profonda fonte di cambiamento», spiega Arash Fazli, che ha lavorato con questo programma in Asia per molti anni. 

«Secondo me», prosegue il dottor Fazli, «vedere la sincerità di alcuni di questi partecipanti, il modo in cui rispondono ai concetti nel materiale di studio, il tipo di attrazione che essi sentono verso queste idee, verso la nobile visione che il materiale esprime, questo aiuta a superare il cinismo che purtroppo i giovani assorbono dalla società». 

Il programma è offerto dall’Istituto per gli studi sulla prosperità globale (ISGP). Fondato nel 1999, l’ISGP è un’organizzazione di ricerca e di studi non-profit che si ispira agli insegnamenti baha’i. Uno degli scopi dell’ISGP è quello di esaminare, fra l’altro, i ruoli complementari che la scienza e la religione, in quanto evolventi sistemi di conoscenza e di pratica, possono svolgere nel progresso della civiltà. Nell’intento di costruire capacità nelle persone e di creare spazi nei quali imparare come sia possibile migliorare la società, l’ISGP offre una sequenza di quattro seminari annuali. 

Circa dieci anni fa, trenta giovani hanno partecipato al primo seminario ISGP per studenti universitari, che si è tenuto a Kuala Lumpur, Malesia. Da allora, il programma ha raggiunto oltre 5000 studenti provenienti da 103 paesi. 

Uno degli obiettivi di questi seminari è quello di aiutare i partecipanti a vedere la loro formazione universitaria come parte integrante dei loro sforzi per contribuire alla trasformazione della società. I seminari intendono rafforzare le loro aspirazioni a un mondo più giusto e unificato dando loro l’opportunità di riflettere su che cos’è un profondo cambiamento, su ciò che esso richiede e su come potrebbe verificarsi. 

«Molti studenti vengono ai seminari sapendo che i giovani hanno un ruolo molto particolare nei processi della trasformazione sociale», spiega Talia Melic, che fa parte del gruppo coordinatore dell’ISGP in Francia. «Vogliono essere in grado di condurre una vita di servizio e di offrire qualcosa all’umanità in tutti gli aspetti della loro vita. Arrivano con alcune domande pratiche, che li spingono a volerne sapere di più, ad esempio, “come posso utilizzare i miei studi e la mia futura professione a beneficio dell’umanità?”». 

«Gli studenti pongono domande molto serie e coscienziose sul loro futuro e su come prendere questo tipo di decisioni in un modo integrato», dice la signora Melic. «Una cosa che ho sentito da parte dei partecipanti e che per loro è molto importante è l’idea che lo spazio dell’università ha un valore intrinseco: è uno spazio nel quale essi possono servire e costruire la propria capacità di servire. E questo avviene attraverso la conoscenza che essi acquisiscono o attraverso le opportunità che incontrano per conversare con i loro coetanei e i loro professori o la loro riflessione su come applicare nei rispettivi campi di studio i principi baha’i». 

«I seminari li aiutano prendere in esame la religione non solo in termini di vita personale, ma anche nel suo rapporto con la costruzione della civiltà. Essi riflettono su come i principi spirituali hanno a che fare con i problemi con i quali l’umanità è alle prese, come il cambiamento climatico, il razzismo e la disuguaglianza economica», prosegue. 

Gli studenti sono inoltre aiutati a superare le concezioni superficiali o semplicistiche del cambiamento. Allo stesso tempo, i seminari mirano a proteggere i partecipanti dal cinismo che sembra insorgere quando i giovani superano gli studi terziari ed entrano nella forza lavoro – un cinismo che nasce dalla delusione sul quesito se i propri contributi possano fare la differenza e più in generale se il mondo possa veramente cambiare in meglio. 

I temi che si studiano nei quattro anni dei seminari aiutano i giovani a vedere la propria formazione come qualcosa di più di un semplice percorso verso un lavoro o un mezzo per l’avanzamento di una carriera personale. Li aiuta a vedere come i loro campi di studio possano essere di grande valore per la loro capacità di contribuire al movimento della società verso una direzione positiva, verso l’unità, la giustizia e la realizzazione dell’unità del genere umano. 

Nel corso di quattro anni, gli studenti riflettono su molti temi, come il rapporto tra la scienza e la religione, prendendo in esame l’importanza di sviluppare le capacità scientifiche. Imparano ad analizzare le forze sociali e pensano a come incanalare in modo più efficace le proprie energie a beneficio della società. Inoltre, hanno anche l’opportunità di riflettere sul fatto che le dimensioni spirituali e materiali della vita si rafforzano reciprocamente, soprattutto in quel momento importante della loro vita in cui scelgono le loro professioni e decidono il percorso del loro futuro. 

« Durante gli anni universitari gli studenti devono affrontare difficilissime sfide. Sono bombardati da tanti messaggi sullo scopo della vita, su cos’è il successo, su cos’è la felicità, cos’è una buona vita e su quanto sia importante lottare per conquistarsela», riflette Aaron Yates, che fa parte di una squadra di coordinamento per i seminari nel Nord America.

Il signor Yates fa notare che spesso la formazione contemporanea non fornisce agli studenti una comprensione della complessità della società. «Molti programmi educativi non aiutano gli studenti a capire che la società è qualcosa di più di un insieme di persone. Spesso non si esamina a fondo nemmeno l’idea delle istituzioni. Non si presta attenzione a cercare di capire che cos’è un’istituzione o in quale modo le istituzioni danno effettivamente una struttura alla società. Questo limita la nostra capacità di pensare a che cosa significa contribuire al miglioramento del mondo al di là del piano personale». 

«Quello che sembra motivare molti dei partecipanti che frequentano i seminari è che essi vedono nella rivelazione di Baha’u’llah la visione di un mondo migliore e i seminari offrono loro l’opportunità di incontrare altri che la pensano come loro, che si trovano ad affrontare sfide analoghe, che si trovano in un’analoga fase della vita», spiega il signor Yates. «Questo è in realtà un momento veramente critico nella loro vita in cui devono prendere decisioni sul futuro e sulla direzione che devono seguire e i seminari offrono loro l’opportunità di riflettere molto attentamente, molto profondamente su come si possa tradurre in pratica nella vita la visione delle scritture di Baha’u’llah per contribuire al miglioramento del mondo nel quale tutti noi dobbiamo vivere».  

«Non è facile trovare altrove lo spazio che i seminari offrono ai giovani per esaminare questo tipo di domande», dice. 

Linnet Sifuna, che coordina i seminari in Kenya, riflette sulla crescita del programma nel suo paese negli ultimi anni. «Nel primo anno dei seminari, dopo vari tentativi siamo riusciti a raccogliere solo un piccolo gruppo. Ma dopo quel primo anno, i giovani che hanno partecipato sono ritornati a casa e ne hanno parlato con gli altri e così l’anno successivo abbiamo avuto molti più partecipanti, rispetto all’anno precedente». 

«In un primo momento abbiamo pensato che forse è solo l’entusiasmo dei giovani che s’incontrano, ma poi abbiamo capito che quei seminari li aiutano moltissimo. Li aiutano a pensare alla propria formazione universitaria in modi nuovi e li ispirano a imparare e ad essere al servizio delle loro comunità», prosegue la signora Sifuna. 

Lo sviluppo dei seminari nell’ultimo decennio è una storia ispirante. Il punto fondamentale è la convinzione che i giovani abbiano un ruolo fondamentale da svolgere nella trasformazione della società e nel progresso di una civiltà globale in continuo progresso. 

Per leggere questo articolo in inglese online, vedere le foto o ascoltare la versione audio si vada a news.bahai.org

Un importante forum sullo sviluppo si occupa dell’avanzamento delle donne e delle ragazze

BRUXELLES, 8 giugno 2018, (BWNS) – All’inizio di questa settimana ottomila persone si sono riunite per un importante forum sul tema: «Donne e ragazze all’avanguardia dello sviluppo sostenibile». L’occasione è stata l’evento annuale della Commissione europea, Giornate europee dello sviluppo, che si è svolto il 5 e 6 giugno a Bruxelles. Tra i molti partecipanti, oltre ai rappresentanti di organizzazioni non governative e gruppi basati sulla fede, c’erano capi di governo, membri di famiglie reali e i funzionari europei. 

Avanzamento delle donne non significa semplicemente che nella nostra società attuale le donne occupino le stesse posizioni degli uomini o che si dia loro spazio per partecipare alle strutture sociali esistenti», ha detto Rachel Bayani, rappresentante della Baha’i International Community (BIC), nel suo discorso durante una sessione organizzata dall’ufficio della BIC a Bruxelles il primo giorno. 

«Abbiamo bisogno di nuove strutture e di nuovi rapporti, concettualizzati e modellati da uomini e donne insieme, rispondendo alle esigenze di una società sempre più globale e interconnessa», ha proseguito.  

La sessione, che ha avuto luogo il 5 giugno, si è occupata dell’educazione delle bambine, un tema che la BIC ha affrontato per molti decenni e che è radicato negli insegnamenti di Baha’u’llah. Heidi Hautala, vice presidente del Parlamento europeo, che ha parlato durante l’evento della BIC, ha detto quanto sia importante che gli sforzi per lo sviluppo socio-economico garantiscano alle ragazze l’accesso agli studi. 

Durante la sessione, è stato presentato Mercy’s Blessing, un film premiato che tratta l’educazione delle ragazze. 

Il convegno, che si è concluso mercoledì, ha affrontato una vasta gamma di temi riguardanti l’emancipazione delle donne e la tutela dei diritti femminili nel contesto dello sviluppo sociale ed economico.  

Per leggere l’articolo in inglese online, vedere le foto e ascoltare il podcast, si vada a news.bahai.org